Si parla tanto male della cucina londinese a torto o a ragione ma ci sono cibi e bevande che sono stati inventati nella capitale britannica. Alcuni sono stati esportati altrove, altri beh forse no

Quali dolci sono stati inventati a Londra?

Chelsea Buns I Chelsea buns sono dei rotoli di pasta con l’uvetta e cosparsi di cannella e buccia di limone. Furono inventati nel 1700 dal Bun House che si trovava proprio a Chelsea. Era una pasticceria che serviva anche la famiglia reale di allora e che non esiste dal 1839. I Chelsea Buns invece esistono tutt’ora

dolci inventati a Londra
Chelsea bun

Il cibo per i cani. Nel 1800 venditore ambulante inventò una specie di pappa che poteva portare in giro per sfamare il suo cane. Si dice che inventò il cibo per i cani.

Jellied Eels Un piatto tipico dell’East End di Londra anche se ora meno comune di un tempo ma ancora trovate posti che lo vendono. SI tratta di anguille bollite in un brodo speziato e poi lasciate raffreddare. Ovviamente il brodo diventa gelatinoso e viene mangiato tutto freddo.

Peach Melba un desert creato per la cantante d’opera australiana Nellie Melba. L’inventore fu il noto chef francese Auguste Escoffier che lavorava per il Savoy Hotel di Londra. Fece questo dolce con le pesche e il gelato in occasione della presenza della Melba al Covent Garden nel 1892. Potete ancora gustare il Peach Melba.

Maids of Honour Tarts. Sono dolcetti di pasta sfoglia ripieni con formaggio simile alla ricotta, mandorle, marmellata e noce moscata. Si dice che risalgano ai tempi di Enrico VIII e Anna Bolena. Nel 1700 c’era a Kew una tea room che era specializzata in questi dolci.

Chicken Tikka Masala. Non è sicuro se è stato inventato a Londra o a Glasgow, è sicuro però che il piatto indiano più mangiato nel Regno Unito non proviene dall’India. Per farlo si usano comunque ingredienti tipici della cucina indiana.

Il Sandwich Si dice che il quarto conte di Sandwich, John Montagu che nel 1700 abitava a Londra fosse un giocatore di carte così appassionato che si faceva portare dal suo maggiordomo il cibo in due fette di pane, così da non dover interrompere il gioco per mangiare.

scotch egg
Scotch egg a fette

La torta nuziale Si dice che un panettiere in erba fu inspirato dalla chiesa di St Bride a Fleet Street  si innamorò del figlio del padrone della panetteria e per convincerla a sposarlo fece una torta a strati come la torre della chiesa di Christopher Wren. Questo accadde nel 1700.

Pie and Mash Il pie normalmente contenente carne di manzo o qualcosa di simile e il puree di patate era un piatto tradizionale dell’East End di Londra quando era dove abitavano i lavoratori di fabbriche e del porto. Un piatto povero quindi. Potete ancora trovarlo in negozi tipici tra cui quelli della famiglia italiana Manze.

Scotch Egg Inventato nel 1733 da Fortnum & Mason, si tratta di un uovo sodo ricoperto di carne e briciole di pane e poi fritto o cotto al forno. Non ha niente di scozzese e lo trovate ancora in qualsiasi supermercato.

Altri articoli

Zone di Londra: Battersea e Clapham Junction

Il postcode SW11 che comprende le zone di Battersea e Clapham Junction che si trovano nel borough di Wandsworth Descrizione di Battersea e Clapham Junction Prima degli anni ‘80 Clapham era una zona industriale  che ospitava essenzialmente la working class, ma al tempo degli yuppies, quelli che non potevano permettersi Chelsea, cominciarono a trasferirsi a […]

1 comment

Scopriamo i mercati rionali a Londra

Mentre tutti conoscono il mercato di Portobello, ci sono molti mercati rionali a Londra che anche se non turistici vale la pena esplorare soprattutto se volete mangiare bene e senza spendere tanto.  Vediamo qua alcuni tra i migliori. Church Street Market si trova a St John’s Wood, aperto dal lunedi al sabato ha una vasta […]

0 comments

La mappa delle lingue che si parlano a Londra

Sapete che a Hoxton 1,5% degli abitanti parla italiano? A Elephant & Castle 1,4%? Se vi interessano questi dati potete vedere una panoramica delle lingue della metropoli suddivisa per stazione della metropolitana qui. Come sempre riteniamo però che gli italiani sono molti molti di più, infatti una buona percentuale di italiani non sono iscritti al […]

0 comments