walter sickert

Mostra di Walter Sickert alla Tate Britain

La pratica in evoluzione e l’influenza duratura di Walter Sickert sono oggetto della prima mostra dedicata all’artista alla Tate dal 1960. La mostra esplorerà la pratica successiva dell’artista, in cui ha sviluppato un nuovo vocabolario espressivo e un’iconografia provocatoria, con un’enfasi sul suo vasto corpus di opere ispirate alla musica.

La mostra inizia il 28 aprile e continua fino al 18 settembre 2022 alla Tate Britain. I biglietti costano £18 e possono essere acquistati online qui.

Circondato da una vivace comunità artistica, Sickert è stato in grado di sviluppare uno stile distintivo che lo ha visto diventare uno degli artisti più importanti del periodo a cavallo del 1800 e 1900.

Questa importante retrospettiva del suo lavoro alla Tate Britain mostra le sue composizioni originali, argomenti non convenzionali e grezza materialità.

La più grande mostra personale dell’opera di Sickert da una retrospettiva alla Royal Academy nel 1992, la vetrina traccia un passaggio dallo stile impressionista dell’artista negli anni ’80 dell’Ottocento al suo uso rivoluzionario della fotografia negli anni ’30.

Sickert ha dipinto una collezione di personaggi famosi da fotografie di stampa, in seguito corteggiando il proprio status di celebrità cambiando il suo aspetto, nome e conducendo acrobazie pittoriche controverse. Nell’autobiografia di Sickert, “My Life and Times”, ha affermato di aver lavorato sotto uno pseudonimo per gran parte della sua carriera. Sickert nacque a Londra nel 1871. Suo padre, Jacques Joseph Sickert (1838 – 1888) era un pittore e decoratore prussiano che si era stabilito in Inghilterra. L’inizio della carriera di Sickert fu come pittore di miniature e poster a Londra, dove visse e lavorò. Sickert iniziò a studiare arte alla Slade School of Fine Art nel 1892, ma se ne andò dopo due anni. Ha poi studiato con Leighton Radford al Westminster Technical Institute, diventando per lui un apprendista. Sickert era un sostenitore della Fratellanza Preraffaellita. Ha continuato a lavorare come artista a Londra, diventando amico di James McNeill Whistler, John Singer Sargent e Walter Sickert, suo padre. Sickert era stato accusato diverse volte di essere Jack lo Squartatore.

Rispondi

Torna su