Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito?

Sono arrivata a Londra 3 anni emmezzo fa

Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi?

Ho trovato una stanza da condividere con una mia amica e un conoscente. Il ragazzo aveva trovato in internet un sito di un’agenzia qui a Londra. Ci siamo informati sui prezzi, e sulla zona in cui saremmo dovuti andare a vivere (Turnpike lane). Dalle foto la zona ci sembrava bella , la casa molto accogliente e nuova. All’arrivo ci siamo accorti che era tutto il contrario. C’era un bagno con doccia e l’altro era uno stanzino con solo il water. (Tutto questo da condividere in 10 persone). All’inizio non ci sono stati molti problemi con gli altri ragazzi, ma dopo un po’ di tempo iniziavano a non rispettare i turni di pulizie. Una sera mentre ero al lavoro, mi chiamó il mio manager in ufficio, dicendomi che al telefono c’era un mio coinquilino che mi cercava, perchè i ladri erano entrati in casa. Vi lascio immaginare il resto.


Come hai cercato lavoro?

Quando abbiamo contattato la ragazza dell’agenzia (la quale ci aveva trovato quella casa), avevamo pagato anche per farci aiutare a trovare lavoro.
 Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro?

Al contrario dei due miei amici, ci ho messo un paio di mesi a trovare lavoro. Perchè io volevo lavorare come cameriera o barista, quindi il mio livello di inglese doveva essere più alto rispetto a loro due, che avevano iniziato a lavorare in cucina. In ogni caso, la ragazza dell’agenzia mi mandava fare le prove in posti distanti da dove vivevo io, e i manager mi chiedevano se avevo la possibilità di trasferirmi più vicino al lavoro, ma essendo a corto di soldi non potevo farlo.

Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo?
Avevo la qualifica della scuola alberghiera. Con un’ esperienza di 6 mesi in un ristorante come cameriera e alle necessità come aiuto preparazione in cucina. Poi un’ altra esperienza di 5 mesi come cameriera e barista in un altro locale.

Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo?

il mio inglese era pessimo, sia scritto che parlato quando sono arrivata!! Ma prendevo spesso i giornali che ti danno all’entrata dell’underground, per cercare di imparare un po’ di più. Oppure guardavo i film sottotitolati e con l’audio in lingua inglese.

airplaneQuale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso?

Il mio primo lavoro era in un ristorante molto conosciuto qui a Londra. Facevo la drink runner, ovvero portare i drink che i clienti avevano ordinato ai camerieri. Non potete immaginare le corse che mi facevo avanti e indietro tra il bar e la sala. Le mie scarpe che avevo comprato da primark, sono durate una settimana, ovviamente le ho comprate lì perchè ero rimasta con pochissimi soldi. Credo di aver rovesciato un bel pó di drink addosso ai clienti, prima di aver avuto più confidenza con il vassoio!!! Tante quante sono le cazziate che mi sono presa dal manager!!! Ho lavorato in quel posto per ben due anni, dopo un po’ di mesi sono passata da drink runner a bartender!! Lavoro che attualmente sto facendo in un’altra grande compagnia.

 

Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi?

Questa esperienza mi ha e mi sta fecondo crescere molto! Sono partita all’età di quasi 19 anni, ora ne ho 22. Ero una ragazza con molte paure e non avevo il coraggio di osare. Ora invece se ho paura di fare qualcosa la prendo come una sfida e cerco di superarla senza tirarmi indietro. La forza che mi sono data quando ero da sola e non avevo nessuno mi ha servito molto, pur soffrendo tanto. Ma si dice che tutto torna! Quindi spero di raccogliere quello che ho seminato e quello che seminerò in questi anni!

Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi?
Si lo consiglierei, è sempre un’esperienza da fare. Di certo Londra non è da prendere alla leggera! Quindi partite consapevoli del fatto che dovete contare solo su voi stessi, perchè qui è tutto moltiplicato X 100!!!

 Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire?

Prima cosa fatevi il PASSAPORTO, perchè uno è più veloce passare i controlli in aereoporto, due perchè con la carta d’identità vi sarà più difficile aprirvi il conto in banca!! Partite con un bel pó di soldi in tasca, ve lo dico perchè io ho mangiato insalata e pasta in bianco per un paio di mesi! Se non volete spendere molto per la casa venite con un’altra persona (naturalmente che non vi lascia da sola/o dopo un mese che siete qui), così potete dividere le spese della stanza. Preparatevi il CV in inglese, e non usate euro pass, perchè tutte quelle cose che ci sono scritte lì non le guarderà mai nessuno. Siate brevi e sinceri nel scriverlo, magari fatevi aiutare da chi sa già come predisporre un CV in inglese. Ricordatevi di mettere una vostra foto, altrimenti per l’80% il vostro CV non sarà considerato. Fatevi una scheda SIM inglese appena arrivate qui, e mette il numero inglese sul CV. Io vi consiglio la Giffgaff per iniziare, è economica e puoi fare tutto online, ti arriva entro pochi giorni per via posta. Ci sono molti siti e app dove potete trovare lavoro, tra cui: caterer.com che è uno dei più conosciuti. Ti registri, metti il tuo CV la tua foto e inizi a cercare lavoro lì. Ormai qui non è più usato portare i CV di persona in locale a locale. Ci sono molti siti, vi iscrivete e fate tutto online. Prima della partenza se non siete molto pratici con l’inglese fate un corso, anche online ci sono molte cose che potete trovare e fare pratica. In valigia oltre a maglioni e giubbotti ricordatevi di mettervi anche del cibo!!! Perchè quando sarete qui inizierete a capire che la pasta e fagioli della mamma avanzata dal giorno prima era più buona di quei panini che vi prendere a Pret A Manger!!!

Queste sono risposte al nostro sondaggio e non necessariamente sottoscriviamo a ciò che viene detto, pubblichiamo le risposte per dover di cronaca e per dare la parola a tutti

Se vuoi anche tu un lavoro a Londra o nel Regno Unito, leggi qui

Puoi anche tu compilare questo sondaggio qui sotto