Adam’s apple o pomo d’Adamo, da dove arriva il termine?

Il pomo d’Adamo, o prominenza laringea, è la cartilagine che avvolge la parte anteriore della laringe. Il nome “mela di Adamo” deriva dalla storia di Adamo ed Eva nella Bibbia, dove Adamo mangiò una mela, il frutto proibito, che si conficcò nella sua gola. Sebbene il pomo d’Adamo non abbia molto a che fare con le mele, protegge la tua casella vocale e le corde vocali dai danni.

Probabilmente Adamo non ha mai mangiato una mela, almeno non secondo il racconto biblico delle sue trasgressioni. La Bibbia si riferisce solo a un frutto proibito non specificato sull’albero nel Giardino dell’Eden.

Il frutto proibito era probabilmente un’albicocca o un melograno, e i musulmani  credono che fosse una banana. Molti frutti e verdure venivano chiamati mele. Già in epoca medievale i melograni erano conosciuti come “mele di Cartagine”; datteri, “mele da dito”; e patate, “mele della terra”. Ad ogni modo, la tradizione vuole che Adamo abbia ceduto alle astuzie di Eva e abbia mangiato una mela dalla quale lei ha morso il primo morso, che un pezzo di cibo gli si è conficcato in gola, formando il groppo che chiamiamo il pomo d’Adamo, e che tutti noi, in particolare i maschi, abbiamo ereditato questo segno della sua “caduta”.

La fisiologia scientifica moderna, al contrario dell’anatomia popolare, spiega questa proiezione del collo, più prominente negli adolescenti, come la cartilagine tiroidea anteriore della laringe. Ma gli anatomisti pionieri onorarono la superstizione a metà del 18° secolo chiamandola pomum Adami, o pomo d’Adamo. Semplicemente non riuscivano a trovare altra spiegazione per questo evasivo nodo alla gola che sembrava persino muoversi su e giù.

(Visited 4 times, 1 visits today)

Ultimo aggiornamento 2022-12-06 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Rispondi

Torna su