Alessandro racconta come dopo i 50 anni si è costruito una vita a Londra

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito? 
Ferragosto 2018
Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi? 
All’inizio sono stato ospite a casa di amici, poi mi sono trovato una sistemazione, senza nessun problema.
Come hai cercato lavoro
Tramite amici, sono arrivato a Londra la sera del15 agosto, la mattina dopo alle 9 ho iniziato a lavorare
Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro? 
Sono arrivato gia con un lavoro. ( trovato tramite amici che gia’ vivevano a Londra)
Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo? 
Artigiano senza titoli di studio
Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo? 
Zero assoluto
Quale è stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso? 
Prima lavapiatti aiuto cuoco in un ristorante greco, poi con la crisi covid, dopo qualche mese a casa ho trovato lavoro in ospedale, nelle pulizie.
Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi? 
La definisco ottima, con dei sacrifici, in un anno sono riuscito a portare la mia compagna e mio figlio a vivere qui. Adesso lavoriamo entrambi nello stesso ospedale, lei come infermiera. Mio figlio va a scuola. Praticamente tutto quello che vorremmo in italia, ma che per ora resta un sogno. (P. S. Ho 52 anni, in italia non avrei mai trovato lavoro)
Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi? 
Dopo il covid partite, ma sempre con le spalle coperte.
Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire? 
Non vi aspettate l’America. Qui si lavora e non ti regala niente nessuno. I guadagni non sono altissimi ma bastano per fare una vita dignitosa.

Rispondi

Torna su