Angelica scrive che venire a Londra è stata la fine di un incubo

Questo è un articolo inviato da un ospite, non riflette necessariamente le nostre opinioni.

Angelica oggi racconta la sua esperienza, puoi anche tu inviare la tua usando il modulo qui sotto. 

4 anni fa
 
Già dal mio arrivo avevo affittato una camera in una House in comunità,il problema è stato inizialmente la non abitudine a condividere spazi con gli altri
 
Ho cercato in vari shop
 
2 giorni
 
Sono venuto via dalla italia proprio perché lavoravo poco per via del lavoro mancante,ho la terza media
 
Direi parlato capibile,scritto pessimo
 
Il mio primo lavoro è stato in una catena chiamata prete a manger,food bar,adesso lavoro da H M abbigliamento da visual
 
Per me è stata la fine di un incubo,purtroppo in italia noi giovani non siamo messi in condizioni di lavorare costantemente e seriamente poi qui a londra la qualità della vita per come la vivo è alta perciò esperienza fantastica,chiaro mi manca il mio paese,la mia mamma,il mio papà ma preferisco soffrire la lontananza ma essere autonoma
 
Bisogna capire un individuo che vuole dalla vita,se cercano lavoro e svago almeno per come la vedo io qui si vive benissimo
 
Cercare di imparare prima un po di inglese e proprio per questo appena qui stare più a contatto con loro che con altri

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

[wordpress_file_upload]

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

1 commento su “Angelica scrive che venire a Londra è stata la fine di un incubo”

  1. Pure per me, e devo dire qua esiste proprio meritocrazia a manetta, bisogna lavorar sodo ma almeno sappiamo che esiste la luce alla fine del tunnel

Commenta

Partecipa anche tu!

Col tuo nome vero o anonimo, dal PC o dal cellulare, racconta la tua esperienza o condividi ciò che hai fatto.
My Post (2)
Sono venuta a Londra per la famiglia reale
- Unknow (7)
Marco lavora per un ospedale e racconta la sua 'fantastica esperienza'
- Unknow (2)
Esperienza di un direttore italiano di boutique di lusso a Londra
- Unknow (11)
Lavora per una clinica privata e consiglia di non farsi convincere dagli altri
customer service
Giorgio lavora nel customer service a Londra
- Unknow (4)
A.J.M.UK consiglia di stare con i bambini per imparare l'inglese
- Unknow (6)
L'esperienza di Rocco, un infermiere in Inghilterra
Untitled design
Antonio scrive: "ho l'onore di abitare in un bel paese vero"
- Unknow (1)
Disegnatore grafico italiano a Londra parla di meritocrazia
LondraNews (45)
Parlate anche della famiglia reale, noi italiani la adoriamo!
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: