Angelo dice di aver buttato via 11 anni giocato la propria carriera

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito?
2008
Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi?
Sarebbe meglio chiedermi quali problemi non ho avuto
Come hai cercato lavoro?
mi hanno contattato loro direttamente dall’università in Italia
Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro?
0
Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo?
ho una laurea in propulsione ed un master in biodinamica
Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo?
certificato, parlo 4 lingue italiano incluso
Quale è stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso?
mi sono appena licenziato dopo 11 anni. Ero Project Manager in una multinazionale, stipendio privilegiato oltre 87000£ più bonus e benefits aziendali
Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi?
negativa. Ho buttato 11 anni di vita e giocato la mia carriera. Ho realizzato 5 progetti che hanno portato all’azienda oltre 78 mln di fatturato. Con la Brexit tutto è cambiato. Avevo una stupenda casa al 29 piano di Canary Wharf, vita da film. Con la Brexit i miei colleghi hanno boicottato il mio lavoro, ho in corso un’azione legale con l’azienda che non ha tutelato alcuni miei brevetti, nonoatante abbia vinto la prima causa, il tribunale britannico ha rigettato la mia vittoria alla CGE perchè essendo europeo non potevo pretendere di dominare le idee tra le brillanti menti britanniche. In questi anni ho cambiato 11 case prima di acquistare, ora la mia banca, tra Covid e Brexit mi ha richiesto il rientro del mutuo. Ho subito 3 furti d’auto senza mai trovare nessun colpevole, ho rischiato di essere accoltellato perchè non volevo farmi rubare un laptop. Insulti razzisti in quanto italiano ed europeo. Mangiando le loro cagate ho avuto una indigestione che mi hanno curato con il paracetamolo. Sono andato subito in Italia per farmi curare da essere umano e non da animale. Lascio Londra perchè sono stanco di fare una vita piena di stress dove non Esiste la meritocrazia. Chi sta bene a Londra, senza offesa, è solo chi ho è davvero davvero agiato oppure chi non ha alcuna chance lavorativa nel globo ebsi accontenta di fare qualsiasi lavoro giusto per farlo. In Italia, da disoccupato almeno avrei evitato di riversare tanta bile. Ora mi hanno assunto ad Amsterdam quasi al doppio e con un team senza pregiudizi.
Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi?
no se avete intenzioni fi fare cose serie. Si se volete divertirvi o senza scampo totale in Italia e nel mondo.
Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire?
non farlo. Risparmiati questa presa per fondelli durata 30 anni del sogno Britannico.

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

rapporto

  • Probabilmente sei arrivato troppo giovane ma soprattutto inesperto ed ingenuo nei confronti della vita, e lo sei rimasto. Londra ti fa abbassare le difese (non ho capito perchè, io appena arrivato ho solo sentito un gran bisogno di indossare corazza e mutandine di ghisa, ma avevo anni di esperienza di vita fuori casa e lavoro) e ti sottopone ad un sottile gaslighting da appena arrivato, occhi sempre apertissimi è pieno di squali.

  • Scritto da Laura S Ambir

    A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario, public health e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico. Qualificata per insegnare inglese come seconda lingua a stranieri.

    Non avremo il Winter Wonderland a Londra nel 2020

    Amazon crea 7000 posti di lavoro nuovi nel Regno Unito