bloomsbury a londra

Bloomsbury a Londra, un quartiere importante per la letteratura

Quando si pensa alla zona di Londra di Bloomsbury si pensa subito a Virginia Woolf e al suo circolo amici artisti, ma questo quartiere ha altre associazioni letterarie. Si trova nel centro di Londra e molti di voi ci saranno passati anche se non sapevano di esserci, qui si trova il British Museum e Russell Square e si trova delineato da New Oxford Street e Tottenham Court Road a nord di Covent Garden e a est con Gray’s Inn Road. A nord confina con la Euston Road.

William Blemonde possedeva la terra dove si trova Bloomsbury. Si ritiene che qui abbia costruito una casa. Henry era il 3° Conte di Southampton, ed era famoso per aver finanziato William Shakespeare.Thomas Wriothesley, il quarto conte di Southampton, iniziò lo sviluppo di Bloomsbury Square alla fine del 1660.

Il nome del quartiere è diventato famoso per il Bloomsbury Group che era un gruppo di artisti che si radunava regolarmente all’inizio del 1900. Il gruppo di intellettuali includeva Virginia Woolf, John Maynard Keynes e E. M. Forster tanto per fare qualche nome. A Bloomsbury hanno vissuto moltissimi artisti e intellettuali, potete infatti notare il numero astronomico di targhe blu. Una targa blu a Londra viene messa vicino alla porta di una casa che ha ospitato qualcuno diventato famoso.

Nel quartiere di Bloomsbury si trova anche University College London, la famosa università londinese spesso chiamata solo UCL e tra le prestigiose università del Regno Unito. Noterete subito l’edificio Art Deco chiamato Senate House, ha ispirato almeno due noti romanzi. Il primo, il romanzo di Graham Greene Il ministero della paura (1943), ha ispirato un adattamento cinematografico del 1944 diretto da Fritz Lang ambientato a Bloomsbury. La descrizione del Ministero della Verità nel romanzo di George Orwell Nineteen Eighty-Four (1949) ricorda Senate House. In questo quartiere si trova anche il Birkbeck College, un università che ha molti corsi part time per chi lavora.

Il quartiere ha anche delle belle piazze, cosa abbastanza insolita a Londra, ricordiamo infatti oltre alla quadrata Russell Square, anche Tavistock Square, Queen Square e Gordon Square.

Oltre al British Museum è sede di molti importanti musei, anche se meno noti,  come il museo di Charles Dickens, il Foundling Museum, il Petrie museo egizio, la Wellcome Collection e il Grant Museum of Zoology.

Ci sono numerosi hotel, spesso a prezzi contenuti (per Londra!) ma è decisamente una zona da tenere presente se venite per turismo. Sono meno economici invece appartamenti monolocali o stanze da affittare. di

senate house bloomsbury

La chiesa di San Giorgio a Bloomsbury

La chiesa di St George’s a Bloomsbury si trova tra Little Russell Street e Bloomsbury Way, ora ospita anche il Comedy Museum.

È stata progettata da Nicholas Hawksmoor, un architetto barocco e allievo di Sir Christopher Wren.Qui c’era la chiesa di St Giles-in-The-Fields, ma era frequentata da ubriachi e prostitute. c’erano anche ladri e altri personaggi sgradevoli. C’erano molti ubriachi che frequentavano le vicinanze – a causa dell’odio di Guglielmo III per i francesi e del suo divieto di importazione di brandy francesi, il “genever” o gin era diventato comune. Era economico e questa zona divenne nota come “Gin Lane” ed è raffigurata in un’incisione con quel nome di William Hogarth (1751), con la chiesa di San Giorgio sullo sfondo. I ricchi non sopportavano di dover usare la stessa chiesa, quindi chiesero alla regina Anna di costruire una nuova chiesa tutta per loro. La caratteristica più strana di questa chiesa è il suo campanile. Hawksmoor è stato ispirato dal Mausoleo di Alicarnasso, dove i gradini sono stati sostituiti da una piramide a gradoni. Questa idea è stata poi ridotta a una sezione a gradoni nota come campanile.

La chiesa era familiare anche a Charles Dickens, che viveva nella zona dove si trova il Charles Dickens Museum. Nei suoi Schizzi di Boz, si riferisce all’evento come al Bloomsbury Christening. Boz essendo lo pseudonimo originale di Dickens, ha “il battesimo di Bloomsbury” che si svolge proprio in questa chiesa. Il signor Kitterbell, che vive al numero 14 di Great Russell Street, porta qui suo figlio per essere battezzato.

Lo scrittore Anthony Trollope

Anthony Trollope fu battezzato nel 1815 nella stessa chiesa. Suo padre era un avvocato di scarso successo che soffriva di depressione e viveva nelle vicinanze in Malet Street. Sua madre Frances Trollope ha scritto più di cento libri, ma non erano particolarmente belli.Anthony Trollope divenne un impiegato dell’ufficio postale quando suo padre morì nel 1834. Lo odiava e in seguito fu inviato in Irlanda.

L’albergo The Kingsley

Il Thistle Bloomsbury è vicino alla chiesa e si chiamava The Kingsley. Prendeva il nome dall’autore Charles Kingsley, che ha scritto The Water Babies e Westward Ho!, c’è un’immagine di lui sopra l’ingresso principale. I fondatori originali amavano la posizione di Kingsley sulla moralità e l’astinenza alcolica, ora i suoi libri non sono più letti per le sue posizioni razziste. Fu qui che EM Forster era solito stare con sua madre Lily quando Forster insegnava latino al Working Men’s College in Great Ormond Street. Ha scritto sezioni di A Room with a View.

British Museum

Il British Museum è un grande edificio che si trova a nord della chiesa. Il suo frontone d’ingresso mostra il trionfo della civiltà. Dateci un’occhiata, vedrete veramente la storia dell’umanità.

Il museo è stato originariamente fondato da Hans Sloane nel 1753. Era un medico che lavorava in Irlanda prima di andare ai Caraibi. Lì scoprì che il cacao mescolato con l’acqua era prescritto come curativo. Lo trovò “nauseante e difficile da digerire”, quindi lo mescolò con latte e zucchero. È diventato, non sorprendentemente, più popolare. È stata questa ricetta per il cioccolato al latte “Sloane” che alla fine è stata presa e commercializzata dalla famiglia Cadbury.

Ha iniziato la sua passione per il collezionismo fin da bambino. Durante il suo periodo nei Caraibi, la sua collezione è cresciuta in modo significativo. Quando morì l’11 gennaio 1753, lasciò in eredità la sua vasta collezione al governo per £ 20.000. La collezione era stimata per un valore di circa £ 80.000. Fu acquistata e mostrata qui a Montagu House. Molti altri hanno fatto donazioni alla raccolta,in poco tempo Montagu House divenne troppo piccola per contenere tutto. Fu deciso di costruire un museo apposta

bloomsbury

British Library

I fratelli Smirke costruirono la Reading Room originale per la libreria. Avevano bisogno di più spazio, così crearono un giardino al centro dell’edificio.

Nel 1857 Antonio Panizzi progettò una sala di lettura basata sulla cupola del Pantheon a Roma.Poi nel 1970 si decise di spostare la biblioteca altrove e questo fu finalmente fatto nel 1998 quando nacque la nuova British Library a St Pancras.

Un tempo, le persone dovevano mostrare la prova che stavano facendo ricerche per entrare nella Sala di lettura, ora possono andarci tutti. Charles Dickens ottenne la tessera da lettore quando aveva 18 anni. Oscar Wilde perse la tessera da lettore quando scoppiò il suo famoso scandalo nel 1895.

C’erano anche molti altri scrittori che usavano la sala di lettura e la biblioteca come principale fonte di ispirazione. Come George Orwell e George Bernard Shaw. Anche H G Wells, Virginia Woolf, Alfred Lord Tennyson, Joseph Conrad, Arnold Bennett, W B Yeats, Thomas Hardy, E M Forster, Agatha Christie, solo per citarne alcuni.La British Library di St Pancras conserva non solo tanti libri, ma anche oggetti e documenti importanti per la letteratura, come la scrivania di Jane Austen.

Altre cose da vedere a Bloomsbury


Bloomsbury e St Pancras; cose che devi sapere su questa zona

Londra sconosciuta: St George di Bloomsbury (con il Comedy Museum)

Hotel The Royal National a Russell Square a Londra

Russell Square a Londra; cose che forse non sapete

Londra sconosciuta: The Queen’s Larder

British Museum di Londra, cose da vedere ora

(Visited 9 times, 1 visits today)

Rispondi

Torna su