Le quattro magnifiche abbazie in rovina di Melrose, Dryburgh, Kelso e Jedburgh sono una testimonianza straordinaria del potere e della ricchezza del monachesimo anglo-normanno medievale. Fondate nella prima metà del XII secolo per volere del re Davide I di Scozia, queste abbazie furono costruite da monaci e canonici i cui ordini religiosi ebbero origine in Normandia, una regione situata a nord della Francia. Le abbazie svolsero un ruolo fondamentale nella normanizzazione della società scozzese da parte di Davide, nonché nell’introduzione del sistema feudale in Scozia, riforme che alcuni storici hanno definito la “rivoluzione davidiana”.

Queste importanti riforme conferirono alla Chiesa Cattolica Romana un’enorme autorità, in quanto essa si occupava dell’amministrazione delle infrastrutture fiscali, della gestione del territorio e del commercio internazionale per conto della monarchia. I monaci e i canonici erano anche abili agricoltori e mercanti, applicando nuove tecniche agricole ai vasti possedimenti delle abbazie, che comprendevano alcune delle migliori terre coltivabili in Scozia. Inoltre, le abbazie controllavano il redditizio commercio della lana, esportandola verso i principali porti commerciali del Nord Europa e generando enormi entrate. Non solo, le abbazie erano anche centri di istruzione, spesso inviati di famiglie nobili i loro figli per essere educati dai monaci. L’abbazia di Kelso, in particolare, vantava una rinomata biblioteca nel periodo medievale.

La Borders Abbeys Way, un percorso che attraversa i paesaggi suggestivi delle campagne scozzesi, offre un’opportunità unica per esplorare queste abbazie e immergersi nella loro storia millenaria. La via si snoda lungo i fiumi Tweed e Teviot, attraversando sentieri panoramici, strade forestali, strade storiche e persino linee ferroviarie dismesse. Attraversa terreni agricoli e colline aperte, offrendo panorami mozzafiato che incantano gli occhi di ogni visitatore. La maggior parte del percorso è fuoristrada, garantendo un’esperienza autentica e lontana dal trambusto delle strade principali. Tuttavia, ci sono anche alcuni tratti su strade secondarie tranquille che offrono la possibilità di ammirare i pittoreschi villaggi lungo il percorso.

Dryburgh abbeyPer coloro che desiderano affrontare questa meravigliosa avventura, Berwick-upon-Tweed è il punto di partenza ideale. Situata sulla linea ferroviaria da Londra ad Edimburgo, questa affascinante città offre un’atmosfera accogliente e una vasta scelta di alloggi, ristoranti e caffetterie. Inoltre, i frequenti autobus locali collegano tutte le città lungo il percorso, rendendo il viaggio comodo e accessibile.

La Borders Abbeys Way può essere affrontata in sei giorni, con la possibilità di godersi appieno ogni tappa del percorso:

  • La prima tappa parte da Tweedbank e arriva a Newtown St Boswells tramite Melrose, percorrendo circa 7,7 km.
  • La seconda tappa inizia da Newtown St Boswells e arriva a Kelso passando per Dryburgh, per un totale di circa 24,2 km.
  • La terza tappa porta i visitatori da Kelso a Jedburgh, per una distanza di circa 21,7 km.
  • La quarta tappa conduce da Jedburgh a Hawick, percorrendo circa 21,1 km.
  • La quinta tappa va da Hawick a Selkirk, coprendo una distanza di circa 20,3 km.
  • Infine, l’ultima tappa parte da Selkirk e ritorna a Tweedbank, percorrendo circa 14,4 km.

Tuttavia, esistono anche opzioni alternative per prolungare o abbreviare le tappe. Ad esempio, è possibile estendere la fase 1 soggiornando presso il Dryburgh Abbey Hotel, che aggiungerebbe 2 km al percorso, o presso un B&B a Clintmains, che lo estenderebbe di 5 km. Ciò ridurrebbe di conseguenza la distanza della fase 2 a 21,9 km o 18,9 km. Un’altra opzione alternativa è quella di terminare il percorso a St Boswells, 1,5 km dalla Borders Abbeys Way, a est di Newtown St Boswells.

La Borders Abbeys Way è adatta a persone con un livello di forma fisica moderato. È un’opzione ideale per coloro che amano soggiornare in alloggi confortevoli, gustare deliziosi pasti preparati con ingredienti locali di alta qualità e visitare siti di interesse storico, musei e bellezze naturali. Durante il percorso, si avrà l’opportunità di ammirare le rovine delle abbazie di Melrose, Dryburgh e Jedburgh, dove sono presenti centri visitatori e negozi di souvenir. Inoltre, a Melrose e Jedburgh si trovano anche musei che offrono un’approfondita comprensione della storia e della cultura di queste abbazie. È importante notare che l’ingresso alle rovine dell’abbazia di Kelso è gratuito.

Per coloro che desiderano esplorare ulteriormente il patrimonio storico della Scozia, consiglio l’acquisto dell’Explorer Pass. Questo pass consente l’accesso non solo alle abbazie di Melrose, Dryburgh e Jedburgh, ma anche all’imponente Smailholm Tower, una casa-torre fortificata costruita da una famiglia locale, nonché al sinistro castello dell’Hermitage, un’antica fortezza semi-distrutta di origine anglo-normanna. L’Explorer Pass può essere acquistato tramite il sito web di Historic Environment Scotland (HES) o presso le sedi sopra elencate. Inoltre, è possibile ottenere un ingresso scontato se si visitano cinque o più proprietà HES con il pass.

La Borders Abbeys Way offre un’esperienza unica per immergersi nella storia, nella natura e nella cultura scozzese. Il percorso panoramico, le affascinanti abbazie in rovina e la ricchezza di opportunità di esplorazione lungo il tragitto sono irresistibili per coloro che desiderano vivere un’avventura indimenticabile.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Optimized with PageSpeed Ninja