Boris Johnson cambia idea e distrugge il settore dell’hospitality

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Bisogna sempre prevedere altri cambiamenti di direzione dal governo di Boris Johnson. Prima hanno parlato di immunità di gregge, poi si sono reso conti che hanno basato le loro teorie su un altro tipo di virus, hanno capito che moltissime persone avranno bisogno di terapia intensiva, a differenza dell’influenza stagionale e hanno cambiato idea. 

Allora arriva l’annuncio che la gente dovrebbe stare a casa e non andare a grandi eventi, al pub, al ristorante, al cinema o a teatro. Ha incoraggiato tutti a lavorare da casa.  Gli anziani e le persone con malattie croniche dovrebbero stare a casa il più possibile. Le scuole per ora rimangono aperte. 

Molti sono contenti che Johnson non impone nulla, ma lascia le persone decidere da sole. Normalmente sarebbe forse una buona cosa, però ci troviamo in una grossa crisi e ci sono alcuni problemi con questo approccio, prima di tutto non tutti seguiranno il consiglio, esistono ancora molte persone in UK che pensano si tratti solo di un’influenza e non hanno intenzione di cambiare stile di vita. 

Il secondo problema è che se i pubs, ristoranti, teatri e hotel devono chiudere per mancanza di clienti non potranno essere risarciti dalle assicurazioni. Se invece fosse il governo a chiuderli, vedrebbero almeno dei soldi.

Il governo non ha parlato di nessun piano per tutelare i settori e i suoi lavoratori, solo che possono chiedere Universal Credit e avere ben £74 alla settimana di disoccupazione. 

Alcune catene grosse forse se la caveranno, altre già traballanti decisamente no. I ristoranti, teatri, pub e coffee shops indipendenti avranno grossi problemi a continuare ad esistere. Addirittura parlano della completa distruzione dei pub e piccoli locali. Ne sentiremo parlare ancora molto nei prossimi giorni. 

Chiediamo agli italiani che lavorano in questi settori o magari hanno ristoranti o locali loro come si sentono ora e che vorrebbero accaddesse per proteggere il loro settore. Abbiamo un modulo per farlo oppure potete farlo a @londranewsblog su Twitter. 

Newsletter

Commenti recenti
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 36 altri iscritti

Untitled design - 2022-01-19T083811
Vauxhall e South Lambeth a Londra
Castelli in Inghilterra
berwick upon tweed
Visita Berwick upon Tweed nel Northumberland
i libri di george eliot
Libri di George Eliot in inglese; dove trovarli anche gratis
grosvenor square
Grosvenor Square a Mayfair, dove si trova l'ambasciata italiana
a voi la parola (3)
Alfredo scrive che Londra offre ancora opportunità a tutti
bagno con gli oli essenziali
Fare il bagno con gli oli essenziali per sentirsi meglio
manhattan acquisto
Manhattan, la storia dell'acquisto dell'isola
face mask
Esperto del'Organizzazione Mondiale della Sanità critica il Regno Unito
Untitled design - 2022-01-18T103018
Londra, disoccupazione scende, ma dal primo aprile disastro in arrivo
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Brexit. Tra diritto e politica
Bestseller No. 2 BREXIT
OffertaBestseller No. 3 Il Regno Unito alla prova della Brexit. Come sta cambiando il sistema politico britannico

Ultimo aggiornamento 2022-01-19 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: