Come sapete il famoso accordo “Withdrawal Agreement” di Theresa May non è passato alla House of Commons. Quindi in questo momento, il Regno Unito è sulla traiettoria di un’uscita dalla UE senza nessun trattato.

La cosa che interessa particolarmente gli europei è che nel trattato c’era anche la parte che proteggeva almeno parte dei diritti dei cittadini europei residenti in UK. Questa sarebbe stata una legislatura primaria e quindi avrebbe avuto notevole peso.

La differenza tra legislatura primaria e secondaria è che la prima deve essere annullata o cambiata solo dal Parlamento, mentre la seconda può essere modificata a piacemento senza lo scrutinio del Parlamento. Molte leggi di immigrazione sono secondarie e infatti ci sono cambiamenti continui.

Se gli europei fossero solo protetti da una legge secondaria i loro diritti potrebbero essere cambiati o diluiti nel corso degli anni senza molto scrutinio. Il che potrebbe essere potenzialmente pericoloso. 

Da diversi mesi il governo britannico si sta preparando al no deal, per esempio accumulando medicine e molte famiglie stanno accumulando viveri e bottiglie di acqua minerale.

In ogni caso, molti non vogliono uscire senza un trattato, cosa che sarebbe catastrofica per l’economia e la logistica e quindi dovrà esserci un compromesso.

Non sappiamo se questo sarà un compromesso con la UE, una richiesta alla UE di avere più tempo e continuare le trattative, un secondo referendum o che altro.

Ci sono state rassicurazioni orali da politici italiani e britannici che tutto sarà ok ma al momento non esiste nessuna legge primaria che protegge gli europei in UK. Ciò non significa che non ci sarà in tempo, ma la situazione non è ancora stata risolta.   Inoltre solo chi non conosce come funziona l’ufficio immigrazione dell’Home Office può non preoccuparsi. Sappiamo che non solo è molto severo ma commette molti errori e prende spesso decisioni irrazionali e a dir poco crudeli. 

Il problema maggiore è che Theresa May non vuole spostarsi dalle sue “red lines”, ovvero non vuole che il Regno Unito rimanga nel mercato unico, unione doganale e la corte di giustizia europea. Ciò significa che si dovrebbe creare una frontiera tra la Repubblica d’Irlanda e l’Irlanda del Nord perché effettivamente sarebbe una frontiera tra UE e non UE.

Ma la frontiera tra le due Irlande era stata tolta dal Good Friday Agreement e rimettere una frontiera risulterebbe quasi sicuramente nel ritorno della violenza di un tempo. Ma è impossibile trovare una soluzione al problema che faccia contenti tutti i parlamentari e soddisfi anche l’Unione Europea e l’Irlanda.

A poco più di due mesi dal giorno della Brexit, siamo ancora in alto mare. Le speculazioni sono tante ma l’incertezza continua.

Altri articoli sulla Brexit

Gli italiani che vogliono rimanere in Gran Bretagna devono fare il settled status

Esiste molta confusione sullo settled status, come esiste confusione sulla Brexit in generale. 29,7% delle persone che hanno risposto al nostro sondaggio sulla Brexit con un altro 10 % che ne ha sentito parlare ma non sa di cosa si tratta. Inoltre, tra coloro che ne hanno sentito parlare,  abbiamo avuto risposte di persone che […]

0 comments
Brexit per gli italiani

Brexit per gli italiani; tutto quello che dovete sapere

Sembra incredibile ma a distanza di otto mesi dall’evento ancora non sappiamo come sarà il Brexit e soprattutto come sarà il Brexit per gli italiani e gli Europei ora in UK. Sappiamo che gli europei inclusi gli italiani che vivono ora nel Regno Unito potranno registrarsi, pagando £65 e usando un app per un telefono […]

0 comments
airport

Ultimi dati sull’immigrazione dalla UE con la Brexit sempre alle porte

Gli ultimi dati ci danno una situazione piuttosto complessa. Si, i cittadini comunitari ancora arrivano ma sono diminuiti coloro che rimangono. Molti arrivano per qualche mese ma intendono andarsene. La situazione è ancora molto più confusa perché il Regno Unito tiene conto di chi arriva (può anche farlo tramite il conto dei National Insurance Numbers […]

0 comments

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.