Siamo a 40 giorni circa dalla data della Brexit e ancora non sappiamo se ci sarà una Brexit con o senza accordo o se ci sarà un rinvio, elezioni, un secondo referendum o altro.

Tutto potrebbe succedere ma nel frattempo non possiamo dare risposte ai tanti che ci scrivono per sapere se possono venire a Londra a lavorare in luglio, trasferirsi con la famiglia il prossimo anno o fare il passaporto per venire in vacanza.

Le risposte alle domande dipendono da quello che verrà deciso. Come abbiamo spiegato qui l’uscita senza un accordo significherebbe la fine della libertà di movimento dal 30 marzo e quindi per lavorare o studiare a Londra occorrerà fare domanda per avere un permesso.

Abbiamo raccolto alcune opinioni di italiani con questo questionario (che puoi compilare, se vuoi).

Ne pubblichiamo alcune…

“Io vado via perche non avremo neppure l’assicurazione sanitaria ma mi hanno prestato 11.000 pounds per studiare per un master che quindi non gli rendo.”

“Penso più che altro alle materie prime e ingredienti per ristoranti e negozi, sarebbe un nuovo mondo senz’altro senza la possibilità di trovare alcuni prodotti di importazione.”

“se posso restare resto altrimenti ritorno in italia per partire verso un altro paese”

“se vogliamo chiamarci sovranisti dobbiamo assolutamente rispettare le volontà del popolo inglese che ha votato in modo chiaro di cacciare gli immigrati. Noi siamo gli immigrati, fare il passaportino per rimanere sarebbe un’ipocrisia”

“sono in gamba e sanno che stan facendo, non sono preoccupato sono sicuro che la May ha parecchi assi ancora da giocare”

“Mi spiace per coloro che si sono fatti in quattro per aprire società di importazione, due amici miei sono inguaiati forti e poveracci ci hanno messo l’anima ora sparisce tutto”

 

Altri articoli sulla Brexit

In Gran Bretagna manca il personale che parla lingue straniere

La notizia è stata pubblicata su diversi giornali ma chiunque abbia lavorato nel recruitment è al corrente del problema. L’economia britannica è internazionali ma pochi escono dalle scuole con buone conoscenze linguistiche. La situazione peggiorerà visto che negli ultimi anni il governo britannico ha anche tagliato i fondi per lo studio delle lingue. Scuole che […]

0 comments
Trasferirsi a Londra con bambini? Diversi punti di vista

Trasferirsi a Londra con bambini? Diversi punti di vista

  Abbiamo sempre messaggi e richieste di aiuto da famiglie italiane con bambini piccoli. A volte questi genitori non parlano inglese. Tutte le volte che qualcuno chiede  informazioni per trasferirsi con i bambini non parlando inglese, solitamente rispondono diverse persone che fanno notare che non è sempre una buona idea. Ciò non è dovuto al fatto, come pensano […]

0 comments
City of London

Aumentano le assunzioni a Londra, ma le aziende rimangono pessimiste

Sono usciti due rapporti in questi giorni, il primo dalla società di selezione Morgan McKinley che mostra che dopo le elezioni del 12 dicembre scorso si vede una ripresa della assunzioni. Il numero di offerte di lavoro è salito del 6% rispetto a novembre e si vede un aumento del 38% di candidati alla ricerca […]

0 comments

Laura S Ambir

A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico.

Commenta