giornata della lingua inglese

Brutta notizia: è morto Bob the Street Cat

Bruttissima notizia per gli amanti dei gatti, Bob the Streetcat ci ha lasciato alla tenera età di 14 anni.

Il gatto Bob era famoso a Londra ancora prima di diventare un divo cinematografico. Era il gatto infatti di James Bowen che più di dieci anni fa era homeless a Londra e che lottava contro la dipendenza da stupefacenti. Come tanti in quella situazione aveva cominciato a vendere il giornale The Big Issue fuori dalla metropolitana di Angel (dove abitavo allora).

Bob era anche lui homeless e trovato James non l’ha mollato, non è stato James ad adottare Bob, tutto il contrario.  Era chiaro da subito che Bob era un grande aiuto a vendere il giornale, un gatto che sapeva conquistare i cuori.

Tutta la storia di Bob e di come ha salvato James si trova nei libri scritti in seguito e tradotti in tante lingue,  dai quali è stato tratto il film qualche anno fa.

Bob era un bellissimo gatto arancione che stava sulla spalla di James tenuto da un guinzaglio e che portava sempre sciarpette colorate.

RIP Bob ci mancherai molto, sei stato uno dei grandi personaggi londinesi di questo secolo.

 

Foto di Bob e James Bryan Ledgard / CC BY

Ultimo aggiornamento 2022-06-26 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

7 commenti su “Brutta notizia: è morto Bob the Street Cat”

  1. Ciao Bob, ho seguito te e James da quando uscì da noi il primo libro. Ci avete raccontato una bellissima storia di amicizia e speranza, dagli la forza di affrontare questa dolorosa perdita. Miao!

  2. Lella e Susy

    dear Bob, riposa in pace eri un amore dentro e fuori ?
    Lella e la gattina Susy ti penseranno sempre con affetto

  3. La morte del proprio pelosetto è sempre atroce questa volta non ci sono aggettivi per descrivere il dolore che stai affrontando caro James ti abbraccio forte. Ciao Bob rimarrai nel mio cuore e nella mia libreria.

  4. Amavo questo miao dai libri e dal film, non l’ho mai conosciuto e sono disperata, continuo a pensarci…non oso pensare come starà male James,era il suo grande amico

Rispondi

Torna su