Brutti momenti per noi immigrati nel Regno Unito

Non so quanto sia stato discussa ma la vittoria di Boris Johnson segna un brutto momento per gli immigranti presenti e futuri.  

Come forse saprete entrerà in vigore la nuova legge di immigrazione a punti dal 1 gennaio 2021 che permetterà solo ai maggiormente qualificati in certi settori di poter avere un visto.  Questo escluderà la grande maggioranza di italiani, sarà anche richiesta una ottima coinoscenza della lingua inglese oltre che risparmi in banca. Per giunta molti settori sono per ora esclusi dai visti, se volete lavorare nella ristorazione, scordatevelo. 

In secondo luogo, tutti gli immigrati dovranno pagare le tasse come gli altri e inoltre una tassa extra per la sanità, anche se non la usano. 

Per peggiorare le cose, i conservatori hanno parlato diverse volte di dare la priorità ai servizi pubblici, posti di lavoro, case e così via ai cittadini britannici, anche chi ha il visto o il settled status potrebbe trovarsi discriminato e svantaggiato, se non britannico.  Ora che i conservatori hanno un’enorme maggioranza possono far passare tutte le leggi che vogliono. 

Boris Johnson non è molto affidabile…ha fatto tanti voltafaccia, generalmente mantiene la posizione che gli da maggiori vantaggi, anche se contraria a quella che teneva due giorni prima. In passato, aveva rassicurato i cittadini comunitari ora in UK che avranno i diritti garantiti, ma durante la campagna elettorale ha detto cose poco belle su di noi per capitalizzare il voto di quelli che non vogliono immigrati nella terra di Albione.  Come facciamo a fidarci?

Tutto dipende semplicemente dal fatto se Boris Johnson pensa che sia ancora conveniente o no prendersela sempre con gli immigrati, se decide che è una linea che paga, dovrete aspettarvi tempi molto duri. 

Giulia Tacconi

rapporto

Scritto da Guest Post

Articoli inviati da lettori, puoi anche tu inviare un articolo, la tua esperienza o segnalare qualcosa, se lo desideri usando questo modulo.

Come sito di italiani nel Regno Unito cerchiamo di dare la parola a tutti ma non siamo necessariamente d'accordo con tutte le opinioni espresse.

Un commento

lascia un commento
  1. Cara Giulia,

    Concordo con ciò che scrivi. Forse dovremmo riunirsi in un gruppo, tipo Italian refugees in UK e cercare di diffondere la situazione pessima degli immigrati nel Regno Unito.

    Chi vive a Londra sembra ignorare che esiste una nazione al di fuori della capitale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

lavoro a bournemouth

Offerte di lavoro a Bournemouth per italiani

“Appena arrivi non abbatterti alle prime difficoltà”