documenti per lavorare a Londra

Scriviamo questo perchè tutti i giorni abbiamo ricerche sui motori di ricerca che portano qui che vogliono sapere che documenti per lavorare a Londra servono o se occorre un visto.  Al momento vengono tutti rimandati al nostro articolo “Documenti richiesti per affittare” che non risponde alla loro domanda.

Alcuni italiani confondono l’Unione Europea con la zona euro e quindi credono che il Regno Unito, non essendo parte della seconda, richieda un permesso di lavoro.  Il Regno Unito fa parte della CEE e poi Unione Europea dal 1973. I cittadini italiani non devono richiedere un visto o un permesso di lavoro e non servono altri documenti per lavorare a Londra. Molti italiani sono proprio all’oscuro degli accordi di libero movimento dei lavoratori all’interno della Unione Europea.

La Brexit
Ovviamente dal 29 marzo 2019 avverrà la famosa Brexit, ovvero l’uscita dall’Unione Europea del Regno Unito. Ancora non abbiamo informazione precisa di cosa avverrà. Ci sono diverse proposte in giro,  ma il governo britannico non ha ancora deciso come sarà l’immigrazione dopo l’uscita. Potrebbe esserci comunque un periodo più o meno lungo di transizione. 

Che documenti per lavorare a Londra devo fare?

Anche ora si consiglia di avere sia il passaporto che la carta d’identità (meglio se la nuova versione) per i seguenti motivi:

1) la carta d’identità non viene usata nel Regno Unito e non tutti capiscono di cosa si tratta perché sono stati addestrati ad accettare solo passaporti o patenti di guida con le foto come prova di identità. Si dice anche che in certi posti, come per esempio alcune banche, non accettino le carte di identità perché ritenute troppo facili da falsificare. Non possiamo verificare questo fatto con certezza.

2) è meglio avere due documenti per lavorare a Londra e tenerli in due posti diversi in caso di furto o smarrimento di uno. Ritrovarsi senza documento di identità all’estero è sempre un grosso problema. Non occorrono altri documenti, avere una tessera sanitaria è consigliabile se non si viene per lavorare.

In cosa consiste il colloquio per avere il NIN? (esperienza di un lettore)

Per lavorare occorre chiedere subito un National Insurance Number, oltre a questo non ci sono altri documenti per lavorare a Londra. Lo stato italiano chiede poi l’iscrizione all’AIRE se intendete stare via almeno 12 mesi. Questo significa spostare la vostra residenza dall’Italia al Regno Unito ma vale solo per il governo italiano.Non ha nessun valore per la vostra residenza nel Regno Unito, che invece vi viene data automaticamente dal momento che lavorate e pagate tasse. Fortunatamente senza bisogno di ulteriori procedure burocratiche.