A rock lead guitarist in action on stage

Altre brutte notizie per quanto riguarda i locali di musica dal vivo a Londra. Un altro locale storico deve purtroppo chiudere a causa di affitti e tasse troppo alte. Si tratta di The Borderline di Soho che chiuderà il 31 agosto prossimo.

Il locale ha una capacità di 300 persone e aveva ospitato concerti dalla sua apertura nel 1985 di come Blondie, Oasis, R.E.M. e Amy Winehouse tra i tanti. Perfetto quindi per concerti piccoli di gruppi non ancora famosi o per musicisti di fama che vogliono un concerto intimo.

Purtroppo di locali di musica dal vivo di piccole dimensioni, che erano tanti un tempo a Londra, ne rimangono sempre meno. Rendendo la vita difficile ai musicisti nuovi che vogliono ancora farsi conoscere. L’unico vero locale storico ancora rimasto il 100 di Oxford Street ha evitato la chiusura qualche anno fa grazie all’intervento di Paul McCartney. Ma diventa sempre più difficile assicurare la vita a questi locali con la politica fiscale corrente e gli affitti alle stelle in sempre più zone di Londra. In questo modo una parte del patrimonio musicale e culturale che ha reso Londra famosa sparisce.

 

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.