giornata della lingua inglese

Chiudono 91 ristoranti di Cafe Rouge e Bella Italia in UK

Altri 1900 posti di lavoro se ne vanno con la chiusura di 91 di ristoranti di Casual Dining Group che gestisce le catene Bella Italia e Cafe Rouge.

Il gruppo ha deciso che è meglio andare in amministrazione e cercare un compratore per cercare di salvare i rimanenti 159 ristoranti e 4500 posti di lavoro.

Questa notizia arriva dopo una serie di chiusure e licenziamenti nei giorni scorsi specialmente nel settori della ristorazione e vendita al dettaglio. Sono quindi tempi neri per tutti questi settori.

Casual Dining Group spera di trovare un compratore il prima possibile, bisogna dire che questa catena, come altre, aveva problemi seri prima ancora della pandemia.

I ristoranti potranno cominciare a riaprire da sabato 4 luglio, ma difficilmente avranno un numero di clienti sufficiente per fare profitto nei prossimi mesi.  Inoltre il Job Retention Scheme che paga lo stipendio ai lavoratori che non possono lavorare verrà pian piano eliminato nei prossimi mesi.

Per questo motivo tante aziende stanno cominciando a licenziare personale.

Leggi anche:

Italiani che lavorano in ristoranti a Londra e UK, che pensano?(Si apre in una nuova scheda del browser)

Ma quando riaprono i ristoranti in Inghilterra?(Si apre in una nuova scheda del browser)

3 commenti su “Chiudono 91 ristoranti di Cafe Rouge e Bella Italia in UK”

  1. MA CHE DITE SE ALTRI SITI ASSICURANO CHE I RISTORANTI A LONDRA SONO ALLA RICERCA FOLLE DI PERSONALE, DISOCCUPAZIONE A LONDRA DEL 1,8% SIETE UNA VERGOGNA. A LONDRA DI LAVORO CE NE STA A PALATE

  2. Il mio ristorante prevede un calo di clienti intorno al 60/70% per i prossimi tre mesi. Non si parla proprio di assumere, il pensiero è cosa fare del personale quando finisce il furlough. Non siamo solo noi, tutti i ristoranti si trovano nella medesima barca. Se solo tre tavoli sono occupati, non servono quattro camerieri.

  3. Le offerte di lavoro sono poche, quasi tutte di lavoro temporaneo e ci sono tante candidature per ogni posto di lavoro. Non verrei dall’Italia per sgomitare con altri disperati.

Rispondi

Torna su