italiani

Christian è head-waiter e dice:”vige la meritocrazia, se vali vai avanti”

Oggi leggiamo l’esperienza di Christian, puoi anche tu aggiungere la tua compilando il modulo in basso
 
On line. Sono partito che già avevo prenotato l’alloggio in una host family. Avevo una stanzetta tutta mia con letto, armadio scrivania e dotata di fornetto e lavandino. Bagno in condivisione con altri 3 ospiti. 400 Pounds al mese a Croydon zona 5; ci sono rimasto 8 mesi circa.
 
Online.
 
3 giorni
 
Diploma scuola alberghiera, importante se si vuol lavorare a certi livelli ( intendo dire non da Mc Donald ), comunque ho iniziato subito come head waiter.
 
Perfetto, grazie ai miei genitori che mi hanno regalato per i miei 18 anni una full-immersion con la lingua inglese a Brighton ma grazie anche alla mia passione per una certa tipologia di anime e manga che si trovano solo in lingua originale o in inglese. In questo modo senza sforzi o costrizioni ho perfezionato la lingua.
 
Ho iniziato come waiter, con un ottimo stipendio, ferie, straordinari e contributi pensionistici pagati da subito. Aggiungo che una prova per testare il lavoratore qui non dura più di una settimana ( questa la mia esperienza ). Ora sono head-waiter in un ristorante stellato a Mayfair.
 
Ottima. Semplicemente qui vige la meritocrazia, se vali vai avanti, ho un ottimo stipendio, ora vivo solo, in un’appartamentino tutto mio ( i miei genitori hanno investito su di me ). C’è più rispetto per l’altro, le istituzioni insomma il famoso senso civico. Qui le cose non sono perfette….ma funzionano. Sto bene!
 
Dipende. Devi essere convinto, sono a conoscenza di molti che hanno gettato la spugna per nostalgia o altro. Ho inserito nel mondo lavorativo londinese un’amico che era in seria difficoltà, sottopagato e sfruttato in Italia, ha resistito 2 anni poi per nostalgia è rientrato.
 
Studio della lingua, determinazione e capacità di adattamento.

Rispondi

Torna su