Claudia ringrazia il cielo per essere venuta a Londra

Questo è un articolo inviato da un ospite, non riflette necessariamente le nostre opinioni.
Nel 2018
 
Con annunci, eravamo due ragazze e nessun problema di nessun tipo
 
Annuncio su Gumtree trovato in un giorno solo
 
Poche ore
 
Laurea in lingue
 
Ottimo sono laureata in lingue
 
Commessa, ora sono a casa pagata dallo stato per la pandemia
 
Ringrazio il cielo tutti i giorni di essere venuta qua. Non si lavora per via della pandemia ma lo stato qua non abbandona mai nessuno. Mi pagano quasi tutto lo stipendio e ne approfitto per studiare. 
 
Certamente a chi ha voglia di lavorare, qua sono seri e lavorano bene, se vi adattate bene, se volete fare i furbastri all’italiana non avrete scampo, con la meritocrazia dovete meritarvi qualsiasi cosa. Tutti i giorni siamo messi alla prova, ci trattano bene ma dobbiamo meritarcelo.
 
Studiare l’inglese e non dimenticarsi mai che siete immigrati, dovete meritarvi il rispetto.

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

4 commenti su “Claudia ringrazia il cielo per essere venuta a Londra”

  1. Avatar

    Fare la commessa con una laurea in Lingue, in effetti c’era proprio da emigrare in UK e pure ringraziare il cielo. Boh.

    1. Avatar

      A parte dove sta scritto che fa la commessa. Poi beato te che magari da adulto ancora vivi nella cameretta diquando eri ragazzino con mamma che ti stira le camicie e ti cucina tutti i giorni. Comodo no.

      1. Avatar

        Io vivo a Londra e paghiamo tutto insieme alla mia compagna da anni, in Italia ed a Londra. Non c’e’ scritto che fa la commessa ma non ha dichiarato il lavoro che sta facendo, e’ legittimo dedurre che sia rimasta li’ (quasi tutti sono a casa in furlough o UC al momento ma se ti chiedono che lavoro fai mica dichiari quello ahahah). p.s. hai proprio scelto il nickname giusto

      2. Avatar

        Ehm… no, viviamo a Londra con la mia compagna, e ci paghiamo tutto da soli fin da quando stavamo in Italia. Hai scelto proprio il nick giusto ahah.

Commenta

Partecipa anche tu!

Col tuo nome vero o anonimo, dal PC o dal cellulare, racconta la tua esperienza o condividi ciò che hai fatto.
- Unknow (1)
La storia di Rosi, cominciato dal basso ora è architetto
a voi la parola
Katia dice che in Italia si butta via la vita
a voi la parola
Esperienza di un fisioterapista italiano a Londra
- Unknow (1)
Sax racconta la sua esperienza di manager di ristorante e hotel
a voi la parola
La guida di Fabio per trovare il liberismo a Londra
un'italiana a Londra (1)
"Appena finisce questa situazione coronavirus, me ne vado"
- Unknow (17)
Cinzia lavora nella moda a Londra e racconta la sua esperienza
- Unknow (11)
Melina sconsiglia a tutti di venire a Londra o in UK
- Unknow (5)
Aria scrive che a Londra vogliono soprattutto i cervelli
- Unknow
Maciste scrive che si può vivere a lungo a Londra, ma non è per tutti
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: