La Clink Prison era situata dove si trova ora Bankside ed esisteva già prima dell’anno 1000, ma era in uso dal 1150. La prigione consisteva di due sezioni separate, una per uomini e l’altra per donne. Essendo di proprietà del vescovo di Westminster, la prigione aveva il suo tribunale e poteva condannare le persone senza alcun controllo esterno. Nel corso del tempo, divenne notevole per i bordelli che abbondavano a Bankside, i quali erano tra i principali clienti della prigione. Tuttavia, nel secolo successivo, la prigione divenne famigerata per i maltrattamenti e le torture inflitte ai prigionieri. Durante una rivolta nel 1780, la prigione fu incendiata e non fu mai più ricostruita.

La reputazione della prigione di Clink

Durante il suo periodo di attività, la prigione di Clink guadagnò una terribile reputazione per il modo in cui trattava i suoi prigionieri. Oltre ad essere utilizzata per incarcerare persone comuni, la prigione ospitava anche numerosi bordelli, che erano diffusi a Bankside in quel periodo. I detenuti venivano sottoposti a condizioni disumane e a torture spietate. La prigione di Clink divenne sinonimo di sofferenza e oppressione.

Il nome “Clink” è probabilmente derivato dal suono delle pesanti porte delle celle che si chiudevano. Ancora oggi, in inglese colloquiale, il termine “Clink” viene utilizzato per indicare una prigione. Questo nome ha contribuito a consolidare la fama della prigione di Clink come luogo di oppressione e sofferenza.

Il Clink Prison Museum

Nonostante la prigione di Clink non esista più, è possibile visitare il Clink Prison Museum, che si trova a Southwark. Il Clink Prison Museum cerca di ricreare l’atmosfera della prigione e di far rivivere le storie di tortura e prigionia attraverso mostre interattive. Pur essendo a volte piccolo e angusto, ci contribuisce all’atmosfera e offre un’esperienza agghiacciante.

Le mostre del museo includono:

  • Mostre storiche: Queste mostre rappresentano la vita dei personaggi associati al Clink e raccontano la storia della prigione, compresa la sua famigerata reputazione.
  • Reperti archeologici: I visitatori possono vedere vari reperti archeologici che sono stati scoperti durante gli scavi nel sito originale della prigione di Bankside.
  • Mostre interattive: Queste mostre consentono ai visitatori di sperimentare i luoghi, i suoni e gli odori della prigione, offrendo un’immersione nel passato.
  • Dispositivi di tortura: I visitatori possono persino toccare e maneggiare alcuni degli strumenti di tortura utilizzati durante il periodo della prigione di Clink.
  • Display sulle punizioni dei detenuti: Questi display mostrano le punizioni orribili subite dai detenuti nel corso degli anni, svelando la crudeltà che si celava dietro le mura della prigione.

 

Qui potete trovare i biglietti online, il sito è anche in italiano. 

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Optimized with PageSpeed Ninja