clovelly nel devon

Clovelly nel Devon, la famosa ‘Amalfi dell’Inghilterra’

Se non siete ancora stati in Devon andateci quando siete nel Regno Unito, è infatti una bellissima contea. Tanto verde, colli, mare e scogliere a picco. Uno dei tanti posti da visitare, sulla costa settentrionale del Devon che certamente avrete visto in cartoline e foto è il pittoresco Clovelly Village. Chiamata la Amalfi inglese, Clovelly era diventata famosa nel 1855 per essere il posto dove si svolgeva Westward Ho! un libro di successo di Charles Kingsley . 

Clovelly ha meno di 500 abitanti, non ci arrivano macchine e i viveri sono ancora portati con l’asino. Il motivo è che il villaggio si trova a picco sulle scogliere e le strade sono estremamente ripide. Scoperto da diversi scrittori del 1800 come Wilkie Collins e Charles Dickens è da allora un’attrazione turistica e gli asini di Clovelly (Clovelly Donkeys) sono diventati leggendari.

Un paesino uscito da un libro di fiabe

La strada principale discende di ben 120 metri per arrivare al mare. Un’altra cosa inusuale è che il villaggio é proprietà privata e per visitarlo bisogna pagare.  Clovelly infatti appartiene alla famiglia Hamlyn che lo acquistò nel 1738 e che ancora vive in uno dei cottages.  Ma vale la pena visitare questo villaggio che sembra essere uscito da un libro di fiabe e salire per vedere le viste magnifiche del canale di Bristol. Per i bambini o chi ha problemi a camminare, esiste l’opzione di salire dal porto con una Land Rover. 

Clovelly era un villaggio di pescatori, come testimoniano i diversi fishermans cottage,  che ha probabilmente circa 800 anni e tutte le strade qui portano al porticciolo. La maggioranza delle case, o meglio cottages risalgono al 1500. Non perdetevi Oberammergau, un cottage con intagli e decorazioni bavaresi, si trova vicino all’ufficio postale. Oppure Crazy Kate’s Cottage, il più vecchio cottage di Clovelly che apparteneva a una vedova di un pescatore un po’ eccentrica.

Visitate anche il monastero del 1200, Hartland Abbey che ha interni rifatti nel 1800 in stile neo-gotico. Come tutti i monasteri inglesi fu preso da Enrico VIII e sciolto. La passeggiata da Clovelly al monastero è a dir poco spettacolare.

Cosa si trova a Clovelly?

Clovelly ospita tre festival annuali, uno dedicato al mare, un altro alle aringhe e un terzo alle aragoste, anche se qui tradizionalmente si pescavano molti sgombri. Clovelly non è molto commercializzato e troverete solo un negozio di souvenir e prodotti artigianali e poco altro. Trovate piccoli ristoranti e pub e potete rimanere a dormire al Donkey Shoe Cottage, prenotate in anticipo se possibile, oppure al Red Lion un hotel vicino che è anche un pub e ristorante. Andateci con scarpe comode!

Essendo piccolo i luoghi d’interesse sono pochi, ma potete girare per le strade del villaggio e osservare bene i dettagli. Potete comunque vedere The Fisherman’s Museum (una casa-museo che mostra come vivevano i pescatori nei secoli passati), la mostra dedicata a Charles Kingsley e The Clovelly Pottery.  Ci sono negozi di articoli regalo che si dedicano alla creazione di prodotti unici come Clovelly Soap Co. che vende appunto tanti tipi di sapone. 

Potete fare un giro virtuale qui oppure guardare le foto qui sotto.

Come arrivare a Clovelly?

Per arrivarci da Londra dovrete prendere il treno o autobus della National Express fino a Exeter e da qui prendere il treno per Barnstable. A Barnstable troverete l’autobus 319 che va a Hartland e scendete al Visitor Centre di Clovelly.

Ovviamente non si tratta di una gita di un giorno da Londra, ma è da includere in un giro dello splendido North Devon.

 

Rispondi

Torna su