Coburgo in Baviera, dove nacque il Principe Alberto

coburgo in baviera

Coburgo ha una certa importanza per la famiglia reale britannica, infatti era la capitale  del ducato di Sassonia-Coburgo e Gotha da cui venne il Principe Alberto che era il marito della regina Vittoria. Se volete vedere dove nacque il principe Alberto dovrete avventurarvi nell’est di Coburgo e visitare il Schloss Rosenau.

Anche se non siete appassionati della storia dei monarchi della Gran Bretagna ci sono tanti motivi per visitare Coburgo, si trova in Baviera, non lontano da Norimberga e vicino alla Selva di Turingia. Ha comunque molto da vedere e da scoprire. 

 

Coburgo ha un ottimo centro storico, piccolo ma tenuto bene. Inoltre ha il Schloss Ehrenburg che era la residenza dei duchi di Coburgo fino al 1918. Ma molti vengono qui per vedere Veste Coburg, uno dei grandi castelli medievali tedeschi. 

Il centro storico cittadino o Altstadt è ancora dominato da tre delle porte originali medievali. Nel mezzo ci trovate il mercato che ha una statua del Principe Alberto, il ducato di Sassonia-Coburgo non era molto grande ma ha avuto l’abilità diplomatica di far sposare la prole in case reali rinomate. Indubbiamente quello del Principe Alberto con la regina Vittoria rimane uno dei loro grandi successi. 

Nel piccolo centro trovate alcuni edifici rinascimentali da ammirare come il vecchio municipio o Stadthaus, Coburger Erker o la Rathaus. Notate la farmacia che esiste dal 1500 ed è ancora aperta. 

la piazza del mercato con la statua del Principe Alberto

La chiesa principale di Coburg si trova nel centro storico e si chiama St Moriz qui ci predicò Martino Lutero, guardatela bene è decisamente storta. 

Se camminate verso il Veste Coburg che si trova su una piccola collina dovrete passare da Schlossplatz che ospita sia il Palais Edinburgh che era la casa di Alfred figlio della regina Vittoria e il Principe Alberto e duca di Edimburgo e il Schloss Ehrenburg che è in stile marcatamente Tudor anche se risale quasi tutto al 1800 ma ha al suo interno una struttura più antica che risale al 1500. Si possono ancora trovare parti del castello rinascimentale nella parte sud, molto poco è rimasto dopo un grande incendio alla fine del 1600. Dopo l’incendio il duca commissionò diversi artisti italiani a creare nuovi interni. Tra questi abbiamo la famosa sala dei giganti con 28 figure di Atlante che sembrano tenere il soffitto. 

Se gli esterni sono in stile inglese e la sala dei giganti era stata creata da italiani, la sala del trono è invece una copia di quella di Napoleone e quindi decisamente francese. 

Se proseguite a piedi (potete andarci anche in autobus, prendendo il numero 5) arrivate dopo circa 20 minuti alla Veste Coburg la grande fortezza medievale che domina la città. Dal Schlossplatz trovate una scalinata che vi porta al Hofgarten, un grande parco e in 20 minuti potete salire alla fortezza. 

Vale la pena salirci non solo per vedere una fortezza militare ma anche per la sua collezione d’arte e gli appartamenti ducali. Tra l’arte che potete vedere troverete opere di Lucas Cranach, Hans Holbein e Matthias Grünewald. Potrete anche visitare una raccolta di sculture in legno e l’appartamento dove visse Martino Lutero. 

Vale la pena fermarsi almeno due giorni a Coburgo per vedere bene tutti i castelli e musei. 

 

Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Londra: altre 100 mila imprese a rischio di fallimento

Libro e audiolibro gratuito: Among the Forest People