regentMolti sapranno ormai quanto è importante avere una breve introduzione in cima al cv. Alcuni usano il titolo Personal Statement, altri Profile. Indipendentemente dal titolo questa introduzione deve dare un’ idea veloce al recruiter per far capire chi siete e se vale la pena continuare a leggere il vostro CV.

Voi direte che vi siete già presentati sulla cover letter, ma mentre certi recruiter cominciano subito a leggere la cover letter, altri invece leggono subito il CV.

Fare un CV per lavorare nei customer services

Alcune idee per fare un introduzione valida:

1) tenetela breve, sulle 100-150 parole al massimo, abbiamo visto introduzioni anche di oltre 500 parole. No way. In genere tre righe dovrebbero bastare. Introduzioni di oltre 4 righe non vengono lette.

2) parlate brevemente di quello che potete offrire e volete raggiungere.

Spesso vediamo introduzioni che dicono cose come sono a Londra per imparare l’inglese. Bene questa frase non dice niente a un datore di lavoro, anzi sembra che il vostro obiettivo sia imparare l’inglese e tutto il resto sia secondario. Dovete almeno dare l’impressione che per voi questo lavoro è importante e che avete tanto da offrire.

Abbiamo un ebook gratuito proprio adatto a voi su come fare un CV inglese che vi farà ottenere i colloqui.

3) cambiatela per ogni domanda di lavoro, la vostra introduzione deve calzare perfettamente il lavoro a cui fate domanda. Le stesse regole che si usano per le application forms, valgono anche per i CV.

Come fare il contabile a Londra e nel Regno Unito

Foto: © Copyright Colin Smith and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.