Un annuncio di lavoro dovrebbe fare quello che fa anche il tuo CV, solo che invece di vendere i tuoi skills l’annuncio di lavoro vende un lavoro. Non tutti gli annunci di lavoro sono scritti bene e a volte sono anche vaghi,  sta a te capire se  il lavoro fa per te anche da come è scritto un annuncio.

Esattamente come un CV, un annuncio di lavoro scritto male, con errori di ortografia o  che non si capisce dove vuole arrivare non trasmette un’ idea di professionalità da parte dell’ azienda o agenzia, è naturale volere starci alla larga.

In fondo se un datore di lavoro non è professionale abbastanza da pubblicare un annuncio di lavoro chiaro, potrebbe anche essere poco professionale per altre cose più importanti.

Può anche voler dire che il datore di lavoro non ha le idee chiare di chi sta cercando che non è un altro buon segno. Fai anche attenzione agli annunci di lavoro che si dichiarano di qualche azienda famosa e hanno un inglese maccheronico, sono generalmente truffe.

Guardiamo ora all’annuncio di lavoro

Foto: Some rights reserved by Jayegirl99

Se decidi che un annuncio di lavoro fa per te, devi fermarti un attimo e vedere che cosa cercano. Generalmente avranno una lista di caratteristiche o skills che ritengono essenziali, alcuni di questi non sono negoziabili. Per esempio se cercano un assistente di cucina con un  NVQ e non lo hai è inutile che fai domanda perché hanno deciso che questo titolo di studio è essenziale.

Se dicono che vogliono almeno tre anni di esperienza e tu ne hai due, ma hai tutto il resto che richiedono e  una serie di esperienze che potrebbero essere utili a loro puoi fare domanda.

Dopotutto non sono tanto gli anni esatti di esperienza che sono importanti, ma il fatto che hai veramente esperienza che possono utilizzare nella loro azienda. Ricordati di rispondere alla domanda “cosa posso offrire io a questa azienda?”.

Prima di fare domanda  sottolinea tutte le cose richieste in quell’annuncio di lavoro e assicurati che siano menzionate nella tua cover letter, possibilmente con esempi concreti.

Per esempio, se cercano un assistente di cucina che riesce a lavorare sotto pressione puoi dire che hai lavorato  in una cucina in una mensa che serviva 900 persone in due ore o qualsiasi altro esempio dalla tua esperienza che dimostri che la pressione sul lavoro non ti ha mai spaventato. Purtroppo spesso non basta dire di avere uno skill senza dare esempi completi.

La cover letter deve essere sempre fatta apposta per ogni annuncio di lavoro,  le cover letter fatte in serie non funzionano, soprattutto in campi molto gettonati, se vuoi un lavoro devi dimostrare che lo vuoi abbastanza da dedicare 10 minuti a scrivere una lettera personalizzata. Molti eliminano subito le cover letter che non combaciano esattamente a quello che viene richiesto dall’annuncio.

Nella nostra banca dati delle offerte di lavoro che puoi consultare gratuitamente abbiamo tante offerte di lavoro.

Altri articoli sul lavoro

Fare il parrucchiere a Londra o nel Regno Unito

Come per tante altre professioni ci sono molti italiani che vorrebbero fare il parrucchiere a Londra o nel Regno Unito e qui vediamo come possono iniziare. Il lavoro del parrucchiere è piuttosto vasto, infatti possono lavorare per negozi piccoli e a conduzione familiare o lavorare per un salone alla moda e prendere uno stipendio decente. Possono […]

0 comments
mentire nel cv

Bisogna per forza mentire nel CV?

Ci sono italiani che consigliano ad altri di mentire nel CV, dicendo che è una cosa normale e praticamente necessaria. Molti italiani a Londra pensano che sia facile mentire sul proprio CV perché pensano che le referenze non verranno mai controllate. In realtà molto spesso le referenze vengono controllate. Se mentire sul proprio CV significa dire di […]

0 comments
lavoro in ristoranti italiani a londra

Lavoro in ristoranti italiani a Londra 2018; offerte e contatti

Volete lavorare in ristoranti italiani a Londra? Stiamo raccogliendo molti contatti diretti per fare domanda di lavoro in ristoranti italiani a Londra e nel resto del Regno Unito. Generalmente non consigliamo di lavorare in ristoranti italiani  per diversi motivi. Il primo è che nei ristoranti italiani tradizionali non si parla inglese. Quindi se uno vuole venire per […]

0 comments