Come vedo la crisi a Londra…

Come vedo la crisi a Londra…

Come ho vissuto la crisi io?

Una domanda interessante perchè credo che ci siano molti risvolti a questa crisi. Prima di tutto dipende molto dal settore in cui si lavora, certi settori non sono stati colpiti per niente, altri invece sono stati devastati ed è difficilissimo per chi lavora in questi settori devastati rialzarsi e riprendere a lavorare in un altro settore. Con troppa esperienza non ti vogliono a fare lavoro umile e se non hai l’esperienza settoriale richiesta ti chiudono le porte da altre parti.

Foto: LicenseAttribution Some rights reserved by neiljs

Fortunatamente non è stato il caso mio, sono riuscito a cavarmela finoranon ci sono dubbi  però che risentiamo quasi tutti direttamente o no, se non dalla crisi ma anche dagli tagli dell’austerity
La mia fidanzata che lavora nel campo sociale da 40 ore ne riesce a fare solo 20 non per mancanza di richiesta ma per taglio del servizio proveniente dall’alto, per lei che non ha mai lavorato in un azienda privata dedita al profitto cercare un altro tipo di lavoro sta risultando praticamente impossibile. Una delle risposte negative ricevute diceva proprio che ‘she could not show to be profit driven enough to work in this type of company’

L’altro lato negativo della crisi è l’aumento ridicolo di tutto dai viveri ai trasporti per non trascurare gli affitti, dal primo di marzo il nostro affitto aumenta di 150 sterline al mese. Noi che abbiamo ora un budget ridotto stiamo ancora bene e riusciamo a coprire tutte le spese essenziali ma abbiamo dovuto tagliare diverse cose, invece di uscire abbiamo fatto l’abbonamento per guardare film sul web e cuciniamo di più e andiamo raramente a mangiare fuori, che non è sempre un male ma mostra come anche noi che ancora lavoriamo dobbiamo cercare di risparmiare e anche se non stiamo male, non possiamo permetterci molti lussi. Se tutti si comportano come noi non vedo come potremmo uscire dalla crisi, se la gente non spende, l’economia non si riprende e le ultime previsioni economiche sono infatti che entro marzo entreremo nella terza recessione di fila e che la disoccupazione dovrà ancora aumentare. Penso che Londra sia ancora meglio rispetto a molti altri posti in Europa ma nemmeno qua si vive molto bene e io e la mia fidanzata siamo anche tra i fortunati.

 

Raffaele Rossi

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Commenta

Torna su