Banksy conferma la sua opera sul muro di una prigione a Reading

La nuova opera raffigura un tizio che sta scappando di prigione con un lenzuolo. È stato fatto nello stile di Banksy e molti hanno creduto dall’inizio fosse opera sua. Il prigioniero scappa con una macchina da scrivere e si pensa che sia Oscar Wilde che rimase in questa prigione per due anni dal 1895, dopo il suo famoso processo per omosessualità.

Esiste un altro motivo per credere che sia opera di Banksy, la prigione in questione deve essere demolita e al suo posto costruito un centro culturale. 

Ma non tutti sono d’accordo, ritengono che l’edificio della prigione che ha circa 200 anni ha un valore storico e non dovrebbe essere demolito. L’attrice Judi Dench per esempio che fa parte di questa campagna vorrebbe che diventasse un museo. Le opere di Banksy non sono mai casuali e il fatto che ci sia una campagna per salvare la prigione fa veramente pensare che sia opera sua. 

Come ormai sappiamo Banksy conferma di essere l’autore di un murale sul suo Instagram, e l’ha fatto ieri con un video su Instagram.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Gli esami del Cambridge ESOL per livello di inglese

Il Regno Unito vuole lanciare il proprio programma spaziale