giornata della lingua inglese

Contagi COVID in calo ma molti adulti in parti di Londra non vogliono la vaccinazione

La buona notizia è che il numero R sembra stia calando, rimanendo su una media di 0,9 e 1,1%, in poche parole i contagi non stanno crescendo in maniera esponenziale.

Secondo il governo, un quarto degli adulti a Westminster e Camden non ha ancora ricevuto la prima vaccinazione. Solo il 60% degli adulti  in certe parte di Hackney si è fatto vaccinare. In altre parti del paese quasi il 100% delle persone hanno fatto la vaccinazione. 

Non è una coincidenza che sono proprio le zone più povere di Londra che non si fanno vaccinare. L’altro problema è che possono esserci persone che hanno cambiato casa senza avvisare il proprio medico di base. .

Secondo il quotidiano The Guardian solo il 66% degli adulti nella Tottenham Lea Valley, il distretto più povero dell’Inghilterra, ha ricevuto la prima dose. Ne spiega i motivi:

In una metropoli complicata con una mobilità significativa e sacche di enorme privazione in mezzo a aree di enorme ricchezza, la prof.ssa Helen Bedford dell’University College di Londra ha dichiarato: Secondo il Child Poverty Action Group, circa il 30% dei bambini e dei giovani di Westminster sotto i 20 anni sono poveri.

Inoltre, le persone a basso reddito potrebbero non avere permessi dal lavoro per vaccinarsi o potrebbero avere altre barriere all’ottenimento di programmi di vaccinazione poiché sono molto mobili e potrebbero non essere registrate con i medici di base.

Anche certe zone ricche di Londra hanno una percentuale bassa di vaccinazioni, ma è probabile che questo sia causato dal fatto che hanno le case a Londra, ma non ci vivono regolarmente, specialmente in tempo di pandemia

Rispondi

Torna su