Le stranezze, anche contradditorie, di molti italiani a Londra

Puzzled by problems
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Quando si ha a che fare con italiani per anni, ma si vive in un posto come Londra, dove si convive con tutti e tutto, certe stranezze di molti italiani si fanno notare di più.

La cosa più strana che trovo tra gli italiani è lo strano concetto di truffa. 

Ci troviamo quindi tante email che chiedono se un corso gratuito offerto dalla Manchester University o la Yale University è una truffa, quando chiaramente non lo è. Come mai un istituto noto e prestigioso come una di queste università potrebbe dedicarsi alle truffe su internet è una cosa inspiegabile. Inoltre una cosa gratuita significa che non si paga, la cosa peggiore che può succedere è che in futuro chiederanno soldi per altri servizi, ma non si è costretti a comprarli. 

Poi ci sono coloro che chiedono se Amazon è una truffa, si può criticare Amazon per tante cose, come tratta il personale, il fatto che non paga molte tasse ecc. ecc. ma non che esista solo per fare truffe a livello industriale. 

Se qualcuno offre qualcosa gratis, magari nella speranza che acquisteremo da loro in futuro, non è una truffa se non si ha l’obbligo di acquistare. Al massimo si tratta di una promozione, di una strategia di marketing, ma non di una truffa. 

Ma la contraddizione vera è il numero di italiani che viene truffato a Londra. Ho ricevuto email di persone che hanno dato fino a 3000 sterline a sconosciuti su Gumtree per affittare un appartamento che non avevano mai visto e che chiaramente non esisteva. Per non parlare di quelli che danno soldi per lavori inesistenti e fantascientifici (£8000 nette  al mese con alloggio gratuito per fare la cameriera ai piani?).

Mi chiedo quindi come mai molti italiani hanno la paranoia della truffa che vedono ovunque anche nelle cose più innocue,  ma allo stesso tempo si fanno ingannare in situazioni che hanno scritto TRUFFA in grandi lettere lampeggianti.  Qualcuno ha una teoria per spiegare questo fenomeno? 

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Lascia un commento

Rispondi

I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Italian-English Bilingual Visual Dictionary with Free Audio App
OffertaBestseller No. 2 Dizionario giurieconomico. English-italian, italiano-inglese. Con voci dell'american english
OffertaBestseller No. 3 Oxford Essential Italian Dictionary: Italian-English - English-Italian [Lingua inglese]

Ultimo aggiornamento 2021-12-05 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Ciro vede ancora tanta gente in giro a Londra
Morone racconta la sua esperienza da pizzaiolo in Inghilterra
Italiani a Londra: dalla Sardegna a Notting Hill, la nonna della pasta
La bella esperienza londinese di un designer italiano
Lettori che non vogliono che altri italiani facciano i camerieri a Londra
Esperienza di una italiana a Bournemouth
Senior couple doing retirement paperwork
I cittadini europei non saranno espulsi - rassicura il governo britannico
Brexit; posso ancora venire a Londra?
Luciana a Londra dal 2010 dice che non esiste discriminazione
Molti italiani in UK sono senza lavoro, come aiutarli? (CONDIVIDETE)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: