Ci sono molto italiani nel panico perché stanno per partire per Londra e UK e hanno paura di essere fermati una volta scesi dall’aereo o non lasciati proprio partire. Come al solito circolano sempre tante fake news. 

La situazione UFFICIALE è questa:

Il Regno Unito ha diviso i viaggiatori in due categorie di rischio: categoria 1 e categoria 2.

Le zone rosse italiane fanno parte della categoria 1, mentre tutto il Nord Italia (ora dicono tutti a nord di Pisa e Firenze, potete vedere la cartina qui) entra nella categoria 2. 

Chiunque sia stato negli scorsi 14 giorni nelle zone rosse italiane e arriva o ritorna nel Regno Unito deve andare in quarantena e telefonare al numero 111. Queste persone non saranno messe in quarantena, ma dovranno mettersi da soli ANCHE SE NON HANNO SINTOMI. 

Chi viene o è stato negli ultimi 14 giorni in Nord Italia non deve mettersi in quarantena se arriva nel Regno Unito ma deve isolarsi immediatamente se comincia ad avere sintomi come febbre, tosse e problemi alle vie respiratorie e devono telefonare al 111. Non devono assolutamente recarsi dal proprio medico di base o al Pronto Soccorso. 

L’unica preoccupazione di tutto ciò è che se una persona non segue queste indicazioni e in seguito si scopre che aveva il coronavirus, ci potrebbero essere problemi di tipo legale, non è stato detto niente ufficialmente ma è una cosa effettivamente possibile. 

Per ora non ci sono altre direttive e generalmente chi arriva agli aeroporti britannici non ha nessun problema ad entrare nel paese. Se ci fossero cambiamenti vi terremo aggiornati. 

 

Vuoi rimanere aggiornato tramite Facebook Messenger?  Schiaccia qui per connetterti!

Per rimanere sempre aggiornato puoi iscriverti alla nostra newsletter gratuita!

Commenta

  Subscribe  
Notificami