Regent Street a Londra

La ragione per la costruzione di Regent Street a Londra era quella di collegare Marylebone Park, che ora si chiama Regent’s Park a Carlton House che si trovava a Pall Mall ed era dove abitava l’erede al trono. Questo progetto apparteneva al piano dell’architetto John Nash di rifare il West End.

Regent Street prende il nome da Giorgio IV allora Prince Regent, ovvero erede al trono. È lunga circa un chilometro e trecento metri.

Una delle ragioni per la costruzione della strada era anche di cercare di migliorare la zona intorno Pall Mall e Haymarket dove si trovavano proprietà delle case reali ma erano quartieri un po’ in degrado. Esisteva anche un problema di traffico, che anche alla fine del 1700 e inizio del 1800 stava diventando pesante e un’altra strada avrebbe dovuto eliminare un po’ di congestione.

Il progetto di Nash voleva dividere in due il West End: da una parte della nuova strada le case suntuose e le strade larghe dove abitavano ricchi e nobili e dall’altra, le strade piccole e le case piccoli dei meno ricchi. Questo lo vedete ancora oggi a Regent Street, che divide Mayfair da Soho.

Cose che non sapete su St James’ Park

La costruzione della via iniziò nel 1813, approvata dal Parlamento.

Il progetto di Nash voleva che la parte curva di Regent Street, partendo da Piccadilly Circus, che si chiama The Quadrant, fosse una parte di negozi, mentre il resto di Regent Street, verso nord, doveva essere una zona solo residenziale. Ora chiaramente non lo è.

Regent Street a LondraLa costruzione di Regent Street a Londra fu uno dei primi esempi di urbanistica moderna in Inghilterra, demolendo interi quartieri per seguire un progetto preciso. Degli edifici originali di Nash, rimane solo la chiesa di All Souls, ma il progetto non è stato fondamentalmente alterato. Se guardate le stampe del 1800 di The Quadrant vedrete la differenza.

Tutto il colonnato progettato da Nash per the Quadrant fu demolito alla fine del 1800 per dare maggiore spazio ai nuovi negozi ed oltre le gallerie attiravano senza tetto e altre persone ritenute indesiderabili.

La ricostruzione di Regent Street a Londra, interrotta dalla Prima Guerra Mondiale, continuò fino al 1928.

Il motivo per il quale il collegamento tra Pall Mall e Regent’s Park non è dritto ma va prima verso est e poi con la curva di Regent Street si riporta verso ovest era per evitare di dover demolire le case della zona di St James’s dove abitavano ricchi mercanti.

Cose che forse non sapete su Buckingham Palace

Ci volle tempo per convincere i negozianti ad aprire filiali a Regent Street e per i primi 80 anni il tipo di negozio che si trovava qui era chiaramente solo per un cliente nobile e danaroso.

Sono dall’inizio del 1900 con l’arrivo del consumismo di massa, la via cominciò ad attirare un altro tipo di cliente: la classe media della periferia londinese.

Regent Street a Londra ospita il famoso Cafe Royal dal 1865, Liberty e il negozio di giocattoli Hamleys

Altre cose da scoprire a Londra

putney a londra

Putney a Londra; cose che devi sapere

Guida alla zona di Putney a Londra situata nel postcode SW15 che si trova nel borough di Wandsworth Descrizione di Putney a Londra Una zona molto verde e con una varietà di belle case, é anche vicina al Tamigi e ha molti ristoranti e locali per passare le serate. È una zona essenzialmente con una […]

0 comments
zone di londra da evitare

Quali sono le zone di Londra da evitare?

Molti chiedono quali sono le zone di Londra da evitare. Una delle domande che si sentono di frequente ma se bisogna essere onesti non ha una risposta. Ci sono diversi motivi per dire ciò. Prima di tutto, le opinioni su una zona sono molto soggettivi. Per esempio, ci sono persone che odiano Walthamstow e altri […]

0 comments

10 dipinti di pittori italiani da non perdere alla National Gallery di Londra

La National Gallery è grande abbastanza da dovervi costringere di fare scelte di cosa volete vedere. Magari volete solo vedere i pittori italiani o vi interessano i fiamminghi o i francese. Oppure preferite i ritratti, insomma decide voi cosa vedere alla National Gallery e come visitarla. Ora non vogliamo assolutamente fare nessuna polemica se questi […]

0 comments

 

 

 

 

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.