Salford, insieme a Irlam, Eccles, Pendlebury, Walkden e Swinton appartiene alla City of Salford che conta circa 250 mila abitanti che si trova nella Greater Manchester.

Salford si sviluppò da un centro Sassone ma ci sono prove archeologiche che era abitata anche alcuni millenni prima di Cristo e fu riconosciuta dal Conte di Chester nel 1230 che la fece diventare un borough indipendente con diversi vantaggi commerciali. Divenne quindi un importante centro mercantile.

Foto: © Copyright Martin Clark and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Nei secoli seguenti Salford attirò poveri dalle campagne alla ricerca di un lavoro e i ricchi che potevano investire e sviluppare le loro aziende.  Quindi ci sono due facce dello sviluppo di Salford, quella benestante con le case enormi che potete vedere anche ora e quella dei poveri che vivevano in condizioni molto spesso disastrate. Anche se ci sono stati miglioramenti dagli anni ’60, Salford ancora ha grosse contraddizioni sociali. Anche ora oltre il 35% degli abitanti di Salford non ha nessun titolo di studio.

Dal 1300 Salford era famosa per la sua industria tessile, principalmente la lana. Con l’arrivo della rivoluzione industriale però l’importanza di Salford cominciò a calare, mentre quella di Manchester aumentò. Il motivo era che il fiume Irwell scorre veloce a Manchester mentre a Salford scorre molto lento. Per alimentare le macchine e i mulini necessari dalle nuove industrie tutti preferirono spostarsi a Manchester per usare l’energia della acque del fiume.

Nel 1894 la regina Victoria aprì i Salford Docks che collegavano, tramite il Manchester Ship Canal, Manchester al mare.  Furono abbandonati completamente negli anni ’70 quando il porto diventò troppo piccolo per le navi moderne. La perdita di posti di lavoro fu catastrofica per l’economia di Salford, facendo scappare dalla zona anche le altre industrie rimaste. Seguirono decenni di alta disoccupazione e declino economico.

salfordUltimamente l’economia di Salford è cambiata completamente da quando la BBC ha deciso nel 2007 di trasferire molti suoi uffici in questa città. La zona è diventata quindi un media hub con tante aziende nel campo e in campi affini. Purtroppo però vista la scarsa scolarizzazione di molti abitanti di Salford i posti di lavoro meglio pagati dei 20 mila  nuovi posti  sono andati a persone non del posto.

Mentre Salford ha una media di disoccupazione poco più alta di quella nazionale, ha una alta percentuale di persone che prende pensioni di invalidità, quasi il doppio della media nazionale.  Quindi ancora oggi come era nel Medioevo abbiamo persone con un tenore di vita alto che vivono vicino a persone che si trovano sotto la soglia della povertà.

Foto: © Copyright David Dixon and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Salford fu la prima città nel Regno Unito ad avere una biblioteca pubblica gratuita.