Baked Alaska è un dessert molto particolare, composto da un pan di Spagna alle noci ricoperto di composta di albicocche e uno strato di gelato alla banana, il tutto racchiuso in una coperta di meringa che viene poi leggermente dorata. La sua storia è piuttosto complessa e affascinante, con influenze culinarie provenienti da diverse parti del mondo. In questo articolo, esploreremo le origini di questo dolce, la sua popolarità nel corso del tempo e il suo metodo di preparazione.

Le origini della Baked Alaska

Baked Alaskaè un dessert che ha radici sia nella cucina francese che in quella cinese. Secondo molti resoconti, la versione definitiva dell’Baked Alaska è stata creata da Charles Ranhofer, uno chef di Delmonico’s, il celebre ristorante Gilded Age situato nella parte bassa di Manhattan. Ranhofer ha ideato questo dessert intorno al 1867 e lo ha chiamato “Alaska, Florida” per celebrare sia la sua natura caldo-fredda sia l’acquisto dell’Alaska da parte degli Stati Uniti.

La cucina francese ha avuto un’influenza significativa sulla Baked Alaska. La pratica di servire dolci freddi con una copertura di meringa è una tecnica che risale all’epoca dei cuochi francesi del XVII secolo. Questo stile di preparazione ha fornito l’ispirazione per la creazione della Baked Alaska come lo conosciamo oggi.

Influence cinese

Alcuni ritengono che Baked Alaska abbia anche avuto influenze culinarie cinesi. Nella cucina cinese, sono presenti dolci che utilizzano una combinazione di ingredienti caldi e freddi, proprio come nel caso della Baked Alaska. Questo suggerisce una possibile connessione tra la cucina cinese e la creazione di questo dessert unico.

Charles Ranhofer e Delmonico’s

Charles Ranhofer, chef di Delmonico’s, ha svolto un ruolo cruciale nello sviluppo dell’Alaska al forno. Il suo talento culinario e la sua creatività lo hanno portato a creare questa prelibatezza. Nonostante fosse un piatto costoso da preparare e servire all’epoca, Baked Alaska ha guadagnato rapidamente popolarità tra i frequentatori di Delmonico’s.

Baked Alaska diventa popolare

Baked Alaska aveva una vasta popolarità soprattutto negli Stati Uniti. Nel libro di cucina di Fannie Farmer, pubblicato negli anni ’90 del XIX secolo, Baked Alaska è menzionato e ha acquisito il suo nome familiare. Tuttavia, negli anni ’50, ha iniziato a perdere popolarità, cadendo in disuso.

Apparizione nel libro di Fannie Farmer

Baked Alaska è stato menzionato nel libro di cucina di Fannie Farmer, che è stato uno dei primi libri di cucina americani ad avere un’enorme influenza sulle abitudini culinarie della nazione. Questa menzione ha contribuito a diffondere la conoscenza dell’Alaska al forno e a renderlo più familiare al pubblico.

Declino e ritorno alla ribalta

Dopo gli anni ’50, Baked Alaska è entrata in un lungo periodo di declino e ha smesso di essere un dessert comune nelle tavole degli americani. Tuttavia, come molti altri piatti classici della cucina americana, è stato riscoperto negli ultimi decenni. Grazie al suo aspetto appariscente e al sapore delizioso, Baked Alaska è tornato alla ribalta culinaria.

Preparazione e ingredienti dell’Alaska al forno

La preparazione della Baked Alaska richiede una combinazione di diversi ingredienti e tecniche culinarie. I componenti principali includono:

La base della Baked Alaska è costituita da un soffice pan di Spagna alle noci. Questo tipo di pan di Spagna aggiunge un sapore ricco e una consistenza leggermente croccante al dessert finale.

La composta di albicocche viene utilizzata per aggiungere dolcezza e un sapore fruttato alla Baked Alaska. Viene spalmata sopra il pan di Spagna alle noci per creare uno strato di gusto succoso.

Uno strato di gelato alla banana viene aggiunto per dare una freschezza cremosa al dessert. La sua consistenza morbida contrasta con la copertura croccante di meringa.

La copertura di meringa viene preparata montando albumi d’uovo con zucchero fino a ottenere una consistenza leggera e soffice. Questa meringa viene quindi spalmata sopra il dessert e leggermente dorata per creare una crosta croccante.

La Baked Alaska oggi

Oggi, la Baked Alaska è ancora considerata un dessert speciale e un simbolo della cucina classica. Viene spesso servito in occasioni speciali o in ristoranti di alta classe. La sua combinazione unica di sapori e la sua presentazione spettacolare lo rendono un piacere per gli occhi e per il palato.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Optimized with PageSpeed Ninja