Crescono ancora i disoccupati con altre catene che non riapriranno

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Continua a crescere il numero di persone che fa domanda online per avere Universal Credit, un benefit che raggruppa 6 benefit diversi  e che molti ora senza lavoro devono avere.

Quasi 700 mila persone hanno fatto domanda online negli ultimi 10 giorni. La domanda viene fatta online ma solitamente bisogna poi avere un colloquio entro 30 giorni con un impiegato della DWP prima che la domanda sia dichiarata valida. In ogni caso non si hanno i soldi subito ma bisogna aspettare 5 settimane. 

Con il coronavirus non è possibile fare il colloquio di persona ma bisogna fissare un appuntamento telefonico. Come si poteva prevedere è diventato difficile fare domanda online con tanta gente sul sito bisogna fare una fila virtuale, in certi momenti la scorsa settimana la fila ha raggiunto quasi 200 mila persone. 

Se uno riesce a fare domanda online deve poi telefonare per parlare con un impiegato ma sia i media britannici che alcuni nostri lettori parlano anche di aver provato a chiamare per giorni centinaia di volte senza riuscire mai a parlare con qualcuno. 

Se questo non bastasse ora anche la catena Laura Ashley chiude definitivamente e anche la catena di ristorante Carluccio’s ha annunciato che non pensa di riaprire con la perdita di altri 2000 posti di lavoro. 

Ci contattano molti che faticano a chiedere Universal Credit o sono un po’ confusi sul da farsi. Ricordiamo a tutti che anche chi non ha il settled status ha ancora diritto a chiedere Universal Credit se può dimostrare di avere dimora fissa in UK e ha comunque vissuto e lavorato qua negli ultimi 3 mesi.

Alle diverse persone che sono in UK da un mese o due e che ci chiedono aiuto dobbiamo purtroppo dire che molto probabilmente non riusciranno ad avere Universal Credit. I criteri sono molto strani e a volte ci sono persone che riescono ad avere benefit anche dopo una settimana in UK (mentre altri che ci vivono da 20 anni non ci riescono). Generalmente però chi è appena arrivato non ha diritto a nessun benefit. 

Potete anche voi raccontare qui sotto come ve la state passando, sono benvenute tutte le testimonianze negative o positive che siano. 

[fluentform id=”8″]
Newsletter

raffaello
Nel 2022 un'importante mostra su Raffaello alla National Gallery
Untitled design
Insegnare e porre, quando l'inglese deriva dal latino
Brown Professional Quote Fashion Designer Newsroom Instagram Post (Twitter Post)
Giuseppe, un pensionato italiano, è contento di vivere in Inghilterra
arco di wellington
Arco di Wellington ad Hyde Park Corner - cose che non sai
ponte di waterloo
Il ponte di Waterloo a Londra
Untitled design (2)
Sister Ray, importante negozio di dischi di Soho
Untitled design (1)
Londra, domani si vola con la tempesta Barra
Untitled design
Londra, i britannici non si fidano più dei politici
spencer house
Spencer House a Londra, la casa di famiglia di Diana
I negozi di soho
Agent Provocateur, il suo primo negozio si trova a Soho
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Brexit. Tra diritto e politica
Bestseller No. 2 Brexit - The Uncivil War (Dvd) ( DVD)
Bestseller No. 3 BREXIT

Ultimo aggiornamento 2021-12-06 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: