Consigli per fare il CV in inglese!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Sappiamo che per molti italiani fare un CV in inglese è un grosso problema. Il problema principale non è solo una questione di lingua (anche se spesso anche quello è un problema), ma non avere capito come viene usato un curriculum vitae nel mondo del lavoro britannico.

Non è un documento noioso che elenca tutti i lavori che avete fatto e tutti i diploma e lauree presi. E’ un documento che deve cominicare a chi lo legge che non solo avete le qualifiche giuste ma soprattutto la personalità adatta!

Dovrete incuriosire abbastanza il recruiter per farlo decidere di chiamarvi a fare un colloqui. Il cv in formato europeo molto usato dagli italiani non funziona e spesso viene solo cestinato.

Infatti, specialmente per lavoro qualificato, dimostra solo che siete la persona sbagliata, non dimostrando nemmeno di avere abbastanza iniziativa da cercare di capire come si deve fare un CV in inglese nel Regno Unito.

Se avete qualifiche tecniche o scientifiche molto richieste il cv può anche passare in secondo piano. Per tutti gli altri tipi di lavoro dove c’è molta competizione dovrete puntare su un cv che si fa notare.

Farselo fare da qualche agenzia spesso non risolve il problema, molte fanno i curriculum vitae in inglese in serie e un recruiter con esperienza capisce subito che è fatto da un agenzia (soprattutto quando nelle vostre comunicazioni scritte il vostro stile di inglese è completamente diverso) e quindi non servirà a farvi mettere in mostra.

Anzi il fatto che dimostrate di non essere in grado di fare un CV da soli può essere un fattore molto negativo, specialmente nel settore dei servizi dove gli skills richiesti per fare un CV decente sono gli stessi skills richiesti dal lavoro stesso.

Abbiamo tanti articoli su come fare un CV, con tanti links ad esempi e siti britannici che danno consigli.  Con la competizione nel mercato del lavoro, il cv continua ad evolversi quindi cercate di leggere siti aggiornati e soprattutto britannici.

Rispondi

Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: