Da venerdi non potrete venire a fare i camerieri a Londra

Dovrebbero ormai saperlo tutti, il 31 dicembre non segna solo la fine di un anno questa volta ma anche la fine della libera circolazione nel Regno Unito. Non potrete venire a lavorare senza un permesso di lavoro se non siete residenti nel Regno Unito.

Per avere un permesso di lavoro bisogna accumulare almeno 70 punti e per avere i punti bisogna avere un lavoro qualificato che paga almeno £25.600 all’anno, sapere l’inglese e preferibilmente avere esperienza in un settore nel quale manca il personale. Ci sono anche altri permessi di lavoro per persone estremamente qualificate ma per molti nostri lettori le porte saranno sbarrate. 

Purtroppo riceviamo continuamente domande da persone in Italia che chiedono informazione per trovare lavoro in ristoranti, come estetista o lavoro generale. Molte di queste persone dicono di non sapere l’inglese. Difficilmente queste persone potranno avere un permesso di lavoro, diciamo che le possibilità sono praticamente zero. Non potranno nemmeno venire come au pair

Alcuni hanno detto che sono contenti di venire a fare i clandestini e lavorare a nero come aveva fatto lo zio/padre/nonna prima della UE. Tutti sono liberi di farlo se vogliono ma a differenza degli anni ’70 ore le pene sono molto severe per chi assume un clandestino e anche per un padrone di casa che affitta ad un clandestino. Inoltre il clandestino stesso rischia la detenzione a tempo inderminato in attesa di essere rimandato in Italia. 

Alcuni hanno scritto che hanno il NIN preso anni fa e che quindi possono tornare a lavorare quando vogliono. Questo non è corretto, per poter rimanere e lavorare in UK dal 1 gennaio bisogna avere il settled o pre-settled status, il NIN da solo non conta niente. 

Un’altra voce scorretta che gira è quella che dice che gli italiani possono venire sempre, visto che Boris Johnson aveva promesso che gli italiani saranno sempre benvenuti. Quindi i polacchi o i francesi devono chiedere il permesso, gli italiani possono venire quando vogliono. Anche questo non è corretto, anche gli italiani devono chiedere il permesso di lavoro. 

Quindi se non siete altamente specializzati avrete tre opzioni: vi specializzate, cercate lavoro altrove o aspettate che i britannici si accorgono che hanno bisogno di camerieri e rallentano le regole. 

  • oppure, soluzione a mio dire più semplice, sposarsi un cittadino britannico.

  • Scritto da Daniela Mizzi

    Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

    Visitare lo Yorkshire nel 2021; cosa vedere e cosa fare

    Londra, Patti Smith a Piccadilly Circus dal 31 dicembre