Dal 1 novembre sarà necessario avere il permesso di lavoro?

Agents at airport
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Priti Patel, il ministro degli interni, ha annunciato oggi che dal 1 novembre vuole che tutti i cittadini europei che desiderano trasferirsi nel Regno Unito dovranno avere un permesso di lavoro o di soggiorno.

Il piano era che dopo la Brexit ci sarebbe stato un periodo di transizione prima di rendere operativo il nuovo sistema di immigrazione, ma ora il governo sembra voler fare tutto molto rapidamente.

Sembra anche chiaro che al momento il governo sta preparandosi al no deal e quindi un’uscita senza nessun accordo con l’Unione Europea.

I problemi sono diversi, il primo senza dubbio che ancora non sappiamo come sarà il nuovo sistema. Si parla di dover avere un lavoro prima dell’arrivo che paga almeno £36 mila all’anno, di una buona/ottima conoscenza dell’inglese e avere risparmi. Ciò escluderebbe circa il 90% dei cittadini comunitari che arrivano ora in UK. Ma ufficialmente non sappiamo ancora niente di preciso.

Il governo aveva detto che chi vuole venire prima del 31 dicembre 2020 può chiedere un permesso di lavoro senza dover avere un lavoro da £36 mila all’anno ma il permesso sarebbe solo di breve durata e non rinnovabile. Il governo non ha confermato se ciò accaderà.

Il secondo grosso problema è che dal 1 novembre i datori di lavoro, medici e ospedali, le banche e padroni di casa dovrebbero escludere tutti i cittadini europei se non in grado di provare che sono qui legalmente. Ora abbiamo un milione di cittadini comunitari residenti in UK che hanno fatto il settled status con circa ancora 2 milioni che non l’hanno fatto. Riusciranno i due milioni a farlo in due mesi? Anche qui il governo precedente aveva detto che l’hostile environment per i cittadini comunitari sarebbe solo cominciato dal 1 gennaio 2021 ma non sappiamo le intenzioni di questo governo.

Inoltre, il settled status è solo online e occorre che la persona che vuole controllare si colleghi ad internet e cerchi la pagina del cittadino europeo per avere la conferma che può rimanere. Mentre questo non è solitamente un problema per datori di lavoro grandi e probabilmente banche che ormai conoscono il sistema, ci sono già tante testimonianze di cittadini europei che si sono trovati padroni di casa e datori di lavoro che si sono rifiutati di controllare online, preferendo invece scegliere una persona che poteva confermare di essere legale velocemente. Questo quando ancora siamo nell’Unione Europea, le cose peggioreranno dopo la Brexit, quando essere cittadini comunitari non prova più di essere nel Regno Unito legalmente.

Qui sotto si trova il documento ufficiale ma come era stato fatto dal governo di Theresa May in gennaio, si aspettano i cambiamenti annunciati da Priti Patel.

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Partecipa anche tu!

14 commenti su “Dal 1 novembre sarà necessario avere il permesso di lavoro?”

  1. A me pare anche giusto, spero che mandino via gli italiani che non prendono le 36 mila, tra tax credit e palle varie sono un peso morto all’economia

  2. Mi sembra una buona notizia, gli italiani che arrivano qui sono troppo terra terra, vi vuole un po’ di selezione

  3. Avatar
    Carlo Damasco

    Mai voi siete venuti qui con la cicogna? Anche se avevate un lavoro che pagava bene prima di arrivare e un inglese ottimo come potete essere sicuri che dovendo competere con il resto del mondo e non solo con la UE lo darebbero proprio a voi? O siete di quelli dentro io togliamo tutti i ponti levatoi?

    1. Avatar
      InterestedUK

      STai pure ben tranquillo che ora devono far contenti la Ue e fanno stare tutti ma appena escono faranno piazza pulita di chi ha il PR o lo settle status e non soddisfa certi criteri. Leggi tra le righe, non vogliono tenersi tutti dai solo un idiota può cascarci

  4. Avatar
    Elvira Yaroslavska

    Ma aprite la bocca e gli date fiato. L’ospedale rimarrebbe senza infermieri e senza medici. Un infermiere non le prende 36000£ l’anno, idem un neolaureato in medicina che fa il foundation program. Ma riflettete prima di parlare.

    1. Avatar
      vocediLambeth

      Devi dirlo al governo UK sono loro che hanno il piano delle 36 mila sterle, sapranno che mettono in crisi certi settori ma accontentare il popolino e la sua innata xenofobia ha la precedenza

      1. Avatar
        Elvira Yaroslavska

        Praticamente un ritorno ai fantasmi del passato. Separerebbero un sacco di famiglie per barriere finanziarie. Sadiq Khan aveva chiesto di abbassarla a 21000£ la soglia di reddito per permettere agli operatori sanitari di entrare senza complicazioni. Io sono infermiera, altamente qualificata, lavorato anche in Belgio e 36.700£ l’anno non le guadagno proprio neanche se diventassi caposala. Idem mio marito che é britannico non le guadagna. Il mio amico che studia medicina in Spagna voleva venire qui a fare il foundation program dopo la laurea, un medico neolaureato non prende quella cifra. Accontentare il popolino? Ma se molti si sono pentiti. E addirittura hanno rigettato la petizione anti brexit nonostante aveva raccolto 6 milioni di firme.

        1. Avatar
          Carlo Damasco

          Ho appena risposto a una italiana su Facebook che diceva che dobbiamo accettare the will of the people, rimanere a lavorare e pagare tasse e non lamentarci, oppure andarcene come vogliono che ce ne andiamo. Ho sentito tanti italiani ragionare a quel modo. Sicuramente c’e’ un disturbo psichiatrico per questo fenomeno, quando la vittima da ragione a chi la perseguita.

          1. Hai ragione. Io sono infermiera, ho marito inglese e un figlio in arrivo. Mio marito non la pensa come i brexiter. Poi, io sto provando a scrivere un libro perché questo rappresenta il ritorno dei fantasmi del passato.

  5. Avatar
    Piero Mascagni

    Se non guadagnate abbastanza soldi per rimanere, cercatevi un lavoro che paga meglio, studiate datevi da fare. Non volete la feccia in Italia e non fate la feccia all’estero. Basta lamentele, siate responsabili delle vostre azioni. Gli inglesi hanno deciso che non vogliono immigrati che non parlano inglese e non fanno lavoro specializzato, rispettate il volere di un altro popolo. Saranno sovrani loro delle loro terre e se siete persone oneste adattatevi o andatevene.

    1. Avatar
      Elvira Yaroslavska

      Senti bello, io sono infermiera. C’é una fame di infermieri qui nel Regno Unito. Io non guadagno quella cifra, nemmeno se divento caposala. Ha ragione Carlo che se la vittima da ragione a chi la perseguita ha qualche disturbo. Io non sono una feccia. Chi li assiste i malati se cacciano li infermieri? Li fanno morire tutti?

Rispondi

Commenti recenti
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Italian-English Bilingual Visual Dictionary with Free Audio App
Bestseller No. 2 Complete Italian Step-by-Step
OffertaBestseller No. 3 All in One Grammar Italian edition with Answers and Audio CDs (2) [Lingua inglese]

Ultimo aggiornamento 2022-01-19 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Britalian: il podcast di un italiano residente a Manchester
"La vita culturale e apertura mentale che in Italia non esistono proprio"
Permessi di lavoro per lavorare a Londra, truffe in arrivo?
Brexit per gli italiani; tutto quello che dovete sapere
Un lettore dichiara di aver trovato il paese dei sogni nello Yorkshire
- Unknow (31)
Michela racconta la sua storia da imprenditrice a Londra
"Hanno quasi tutti la mascherina addosso quando escono"
Trovare casa a Londra, la mia esperienza
Quarantena per molti italiani in UK
A Londra si vive benissimo, tutto funziona perfettamentissimo
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: