Dalla settimana prossima il Regno Unito comincia a riaprire?

Domenica Boris Johnson e il governo dovrebbero annunciare l’inizio della fase 2 che dovrebbe cominciare da lunedì. Non si tratta di una riapertura di tutto immediatamente ma probabilmente l’inizio di un periodo di maggiore flessibilità e probabilmente solo qualche piccolo cambiamento per ora. Dobbiamo però ricordare che a differenza di altri paesi, i contagi nuovi in UK sono ancora alti. 

La cosa che sappiamo è che il messaggio cambia da “Stay at home, save lives” a “Stay safe, save lives”. Quindi l’enfasi non è più sul restare a casa ma su uscire ma farlo con sicurezza e mantenendo le distanze. 

Funzionerà? Non tutti ne sono convinti ma esistono tante versioni in giro. Anche le testimonianze che ci arrivano dai nostri variano notevolmente. Chi dice che la gente osserva le regole del lockdown e non si vede nessuno e chi invece dice che non le osserva e sono tutti in giro. Chi addirittura dice che i britannici lo fanno, ma gli immigrati no. Oppure che tutti indossano le mascherine mentre altri affermano che quasi nessuno le indossa.

Non possiamo quindi sapere se levato l’obbligo di stare in casa se la gente rispetterà le regole di distanza. Se quando possono uscire più di una volta al giorno tanti ricominciano a fare affollate feste in casa o giardino saremo indubbiamente nei guai. 

In teoria questa nuova flessibilità dovrebbe essere l’inizio della fase 2 britannica, come sarà lo sapremo domenica. 

Non vuol però dire che tutti gli italiani che ci scrivono che vogliono partire ora possano farlo, non sappiamo come sarà messa l’economia e ci sono altri aspetti ancora da considerare prima di fare la valigia e partire. No, non stiamo scoraggiando nessuno, siamo solo realisti. 

  1. Ho apprezzato molto l’articolo e mi piacerebbe sapere se esistono ancora locali “storici” musicalmente a Londra e dintorni. Grazie Stefano…

Daniela Mizzi
Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Commenta

You may also like