dick turpin

Dick Turpin, il leggendario bandito inglese

dick turpin

Richard Turpin chiamato normalmente Dick Turpin era un bandito inglese nato in Essex nel 1705 che fu giustiziato per furto di cavalli e tanti altri crimini. Ai tempi quando rubare un cavallo era un reato capitale, ma allora portare via il cavallo a qualcuno era come tagliargli le gambe.

La sua vita è un po’ leggendaria essendo stata soggetto di romanzi vittoriani mentre Turpin morì nel 1739 e di questa storia sono stati tratti film e sceneggiati televisivi. Sembra anche che ci siano molti suoi fantasmi in giro, uno di questi dovrebbe essere all’aeroporto di Heathrow. Molti hanno l’immagine di Dick Turpin come una specie di Robin Hood bello, ma non bisogna romanticizzare l’elemento, Dick Turpin non era un eroe, era un criminale. Almeno da quello che sappiamo, visto che la sua storia vera rimane un po’ un mistero. 

La vita quasi leggendaria di Dick Turpin

È anche noto per un immaginario viaggio notturno di 200 miglia (320 km) da Londra a York sul suo cavallo Black Bess, una storia resa famosa dal romanziere vittoriano William Harrison Ainsworth 100 anni dopo la morte di Turpin.

Foto: Wellcome Collection Creative Commons Attribution (CC BY 4.0)

Quasi tutto quello che sappiamo viene da un opuscolo intitolato del 1739 “The Genuine History of the Life of Richard Turpin, the Noted Highwayman”. Turpin era nato a East Ham, nell’Essex. Fin dalla tenera età, ricevette una buona educazione, insegnando a leggere e scrivere sotto la supervisione del suo tutore, il signor Smith.

 Turpin non ha aveveva evitato il lavoro, ma aveva completato con successo il suo apprendistato, dopo di che è tornato a East Ham e ha avviato un’attività in proprio. Mentre era lì, sposò la figlia di un certo signor Palmer che risiedeva nella zona. Tuttavia, in termini economici, entrare nel commercio della carne  era a volte un affare rischioso.

(Visited 3 times, 1 visits today)

Ultimo aggiornamento 2022-12-06 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Rispondi

Torna su