dulwich picture gallery

Dulwich Picture Gallery

Non vi aspettate mai di trovare una galleria d’arte così importante nella periferia londinese, ma la Dulwich Picture Gallery è una galleria d’arte di importanza mondiale.

La Dulwich Picture Gallery è stata aperta nel 1817 ed è stata la prima galleria d’arte pubblica appositamente costruita in Inghilterra dall’architetto Sir John Soane. Si è dimostrata enormemente influente sul modo in cui guardiamo all’arte.

Molti definiscono la Dulwich Picture Gallery la galleria d’arte più bella al mondo, semplicemente per l’edificio che la ospita. Il suo punto forte è come è stata usata l’illuminazione naturale per mettere in evidenza i dipinti.

Foto: © Copyright Chris Gunns and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

La collezione stessa è stata principalmente lasciata in eredità dal francese Noël Desenfans e dal suo amico svizzero Sir Francis Bourgeois, entrambi scomparsi all’inizio del 1800. Insieme, hanno formato una delle concessionarie d’arte di maggior successo della Londra georgiana. 

Entrambi erano stati incaricati dal  re della Polonia Stanislao Augusto di creare una collezione d’arte per aprire un museo nazionale. Mentre erano al lavoro la Polonia fu divisa dalle potenze vicino e il re dovette abdicare, quindi i due si trovarono con tanti capolavori in mano. 

Bourgeois e Deschamps passarono molti anni alla ricerca di una sede per la collezione, che alla fine è stata lasciata al Dulwich College, per essere esposta al pubblico permanente in una galleria appositamente costruita.

Nel 1811 quando Francis Bourgeois morì fu deciso di aprire una galleria stabile e Sir John Soaneera stato scelto per progettare il museo poiché era amico di Bourgeois. Il suo design, una serie di stanze semplici e interconnesse illuminate da luce naturale attraverso lucernari sopraelevati, ha avuto da allora una grande influenza sul design delle gallerie d’arti. Tutti i dipinti infatti non ricevono luce diretta per non rovinarli.

La posizione non centrale della Dulwich Picture Gallery non deve farvi pensare che qui avete una galleria d’arte minore, al contrario trovate una collezione non male di grandi della pittura.

I fiamminghi sono ben rappresentati a cominciare da Rembrandt, non mancano grossi nomi francesi e italiani.

La collezione contiene principalmente dipinti del 1600 e 1700 e qui potete quindi anche vedere opere di Constable, Canaletto, Poussin,  Rubens, Hogarth, Murillo, e Van Dyck. Non roba da poco.

Uno dei dipinti di Rembrandt, il piccolo ritratto di Jacob de Gheyn III è stato rubato e ritrovato ben 4 volte e si trova nel Guinness Book of Records come il dipinto più rubato al mondo.

La galleria organizza regolarmente anche mostre temporanee, spesso significative, e tiene una serie completa di conferenze e altri eventi educativi. È circondato da tranquilli giardini, principalmente prati, con una serie di alberi antichi e insoliti. Bourgeois e Deschamps passarono molti anni alla ricerca di una sede per la collezione, che alla fine è stata lasciata al Dulwich College, per essere esposta al pubblico permanente in una galleria appositamente costruita.

Nel 1811 quando Francis Bourgeois morì fu deciso di aprire una galleria stabile e Sir John Soaneera stato scelto per progettare il museo poiché era amico di Bourgeois. Il suo design, una serie di stanze semplici e interconnesse illuminate da luce naturale attraverso lucernari sopraelevati, ha avuto da allora una grande influenza sul design delle gallerie d’arti. Tutti i dipinti infatti non ricevono luce diretta per non rovinarli.

La posizione non centrale della Dulwich Picture Gallery non deve farvi pensare che qui avete una galleria d’arte minore, al contrario trovate una collezione non male di vecchi maestri della pittura.

I fiamminghi sono ben rappresentati a cominciare da Rembrandt, non mancano grossi nomi francesi e italiani inclusi Raffaello e Canaletto (che comunque visse a Londra e lasciò numerosi dipinti).

La collezione contiene principalmente dipinti del 1600 e 1700 e qui potete quindi anche vedere opere di Constable, Rubens, Hogarth, Murillo, e Van Dyck. Non roba da poco.

Uno dei dipinti di Rembrandt, il piccolo ritratto di Jacob de Gheyn III è stato rubato e ritrovato ben 4 volte e si trova nel Guinness Book of Records come il dipinto più rubato al mondo.

La galleria organizza regolarmente anche mostre temporanee, spesso

Come visitare la Dulwich Picture Gallery?

Un biglietto d’ingresso costa £16,50 della galleria è aperta dal mercoledi alla domenica dalle 10 alle 17.

La galleria tiene anche diverse mostre temporanee e concerti serali oltre a lezioni e dibattiti. Qui potete vedere il calendario degli eventi.

Rispondi

Torna su