Eric Clapton non vuole suonare a Londra se occorrono i COVID pass

Eric Clapton dovrebbe suonare alla Royal Albert Hall nel 2022, questa celebre sala di concerti richiede il certificato di vaccinazione per poter entrare. Clapton si ribella, dice che non suona in nessun posto dove esiste discriminazione, tutti dovrebbero essere in grado di poter vedere i suoi concerti. Ha dichiarato questo sul Telegram di un architetto e scettico del COVID italiano.

Clapton ha una lunga storia di essere controverso, nel 1976 durante un concerto si mise a fare uno strano discorso su come la Gran Bretagna deve rimanere bianca e che i neri e gli stranieri dovrebbero tornare a casa propria. Nel 2004 e 2008 disse cose simili, autodefinendosi un ‘semi-razzista’. Nel 2018 si è scusato giustificandosi con il fatto che era tossicodipendente.

L’anno scorso si era messo insieme a Van Morrison a scrivere un pezzo contro il lockdown e ora parla di cancellare i concerti. Che volere vedere un certificato di vaccinazione per entrare ai suoi concerti sia discriminazione è anche vero, ma anche chiedere £150 per biglietto per vederlo alla Royal Albert Hall è una forma di discriminazione.

Daniela Mizzi
Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Commenta

You may also like