Esperienza di una famiglia italiana nello Hampshire
Esperienza di una famiglia italiana nello Hampshire

portsmouthDa quanto tempo sei a Londra/UK e come ti trovi?

Vivo con mio marito e la bimba che ora ha 6 anni in Hampshire da quasi 5 anni.

Che aspettative/piani avevi al momento della partenza?

Siamo venuti perché a me è stato offerto un lavoro qui dalla mia azienda. Speravamo che anche mio marito trovasse lavoro abbastanza presto (cosa che poi è successa),  che la bimba crescesse bilingue e di trovarci bene, in generale.

Quanto pensi di rimanere e se vuoi andare via, dove andresti?

Ci stiamo molto bene, abbiamo anche comprato casa. Non stiamo pensando di muoverci, il mercato del lavoro per i nostri ruoli è ottimo e non avremmo mai opportunità simili altrove.

Che lavoro fai e come l’hai trovato?

Io sono medico e mi occupo di sicurezza dei farmaci, mio marito è legale d’impresa.

Che tipo di lavoro volevi?

Quello che faccio. Anche se qui ci si diverte molto meno che in Italia.  Lavorare,  lavorare…ognuno pensa al suo e c’è pochissima o nulla socialità. Per un estroverso può essere pesante.

In base alla tua esperienza, consiglieresti ad altri di venire a Londra/UK e perche’?

Con un mestiere, iniziativa, un inglese decente e spirito d’adattamento sí.
A studiare, sí (anche se la nostra preparazione resta superiore).
Senza un mestiere, con un po’ di inglese già imparato, solo da molto giovani (quando ci si adatta a tutto e anche lavare i piatti va bene pur di imparare la lingua e fare un’avventura).
Senza un mestiere e senza sapere l’inglese per niente, no. La concorrenza è spietata e vi esporreste a rischi vari di truffe.
Senza un lavoro e con famiglia per carità no. Non potete capire quanto costi il childcare qui. Io pagavo £1200 al mese di asilo. Avete letto bene…e non era dei più cari. Ricordatevi che qui SIETE SOLI.

Foto: © Copyright Malc McDonald and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

In generale, quali sono i lati positivi della tua permanenza a Londra/UK?

Mercato del lavoro pazzesco. Ricevo contatti da recruiters ogni settimana e poter scegliere dà un enorme potere d’acquisto.
La bimba è bilingue e felicissima in una scuola pubblica fantastica (ricordatevi che qui si entra in base alla distanza, ergo: dove le scuole sono buone, le case costano di più…)
Tantissime cose da fare e da vedere!

Sempre in generale, quali sono invece i lati negativi?

All’inizio è  dura. Sei solo. Non sai dove siano le cose, come si facciano le cose, a chi rivolgerti, e nessuno ti dà una mano finché non ti fai un giro di amicizie…e per quello ci vuole molto più tempo che in Italia. Poi se hai un poco di soldi, bene, altrimenti è dura perché qui la vita costa cara.
L’ambiente di lavoro come dicevo prima è  incomparabilmente più competitivo e meno gioviale. Però più ci si allontana da Londra meglio è : gente più simpatica, vita più tranquilla e un po’ meno cara…se posso dare un consiglio, cercate fuori da Londra. Io la adoro e ci vado sempre volentieri,  ma per vivere e lavorare cercate fuori,  l’Inghilterra  è  bellissima,  non fermatevi a Londra!

 

 

Se  abiti in UK e vuoi anche tu raccontare la tua esperienza puoi compilare questo breve questionario

Queste sono risposte al nostro sondaggio e non necessariamente sottoscriviamo a ciò che viene detto, pubblichiamo le risposte per dover di cronaca e per dare la parola a tutti

Se vuoi anche tu un lavoro a Londra o nel Regno Unito, leggi qui

Commenta