Un’esperienza che gli italiani non possono più fare a Londra

Questo è un articolo inviato da un ospite, non riflette necessariamente le nostre opinioni.
Questa esperienza ci era arrivata meno di due anni fa, a gennaio 2020. Prima della pandemia e del colpo finale della Brexit. Come questa ne abbiamo ricevute a centinaia, di italiani che pieni di speranze venivano qua, senza sapere la lingua e cominciando dal basso facevano carriera.
Sappiamo anche che molti non considerano diventare supervisor o manager di una catena della ristorazione una grande carriera, ma per altri lo è e giustamente ne sono anche fieri. De gustibus non est disputandum.
In ogni caso, il problema di ora è che l’esperienza di questo italiano non si può più fare, almeno per il futuro prossimo. Non credo che sia una perdita solo per gli italiani, ma anche per l’economia britannica. Ho visto zone quasi desolate trasformate da emigrati polacchi o portoghesi che hanno aperto negozi, ristoranti e altre imprese con un entusiasmo e dinamismo che le persone del posto raramente hanno.
Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito? 
Luglio 2017
Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi? 
Avevo un cugino che mi ha aiutato un po’, poi tramite annunci
Come hai cercato lavoro
Chiedendo alle porte
Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro? 
3 ore
Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo? 
Diploma, fattorino, autista, cameriere e disoccupato
Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo? 
Scolastico scarso
Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso? 
Lavapiatti, barista e ora store assistant manager
Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora?  E per quali motivi? 
Molto buona nel giro di due anni sto diventando manager, in Italia senza raccomandazione non diventi manager. Ora ho un lavoro invidiabile e sono parte della classe dirigente, in Italia ero precario – che bella differenza! L’Italia non ci merita e Londra ci vuole bene, sanno anche che gli italiani sono bravi lavoratori
Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi?
Certamente a tutti praticamente, a Londra si crea un futuro stabile e vivibile
Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire?
Venire con tanta voglia di lavorare, saper adattarsi e mai lamentarsi

Lascia un commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: