italiani

Fabio scrive che Londra ha ridato la dignità agli italiani

Quando sei venuto/a  a Londra/Regno Unito?

Sono venuto 6 anni fa a 48 anni

Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi?

Tramite annunci, si trova con facilita’ estrema e se si evita il centro si trovano anche stanze belle e non molto costose

Come hai cercato lavoro?

chiedendo per strada e con annunci

Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro?

una decina di giorno

Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso?

tuttofare in un ristorante, ora sono supervisore per un’azienda di pulizie

Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo?

perito, sapevo che se andavo all’estero avrei dovuto scendere di grado

Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo?

scolastico, capivo che le cose scritte semplici, il parlato quasi zero ora sono quasi a livello da madrelingua

Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi?

molto buona a 48 anni in Italia ero da buttare, Londra mi ha accolto bene e dato un lavoro e una casa. In seguito ho anche avuto promozioni, questo vale per tutti a mio pare ho visto che Londra ha ridato la dignità agli italiani

Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi?

se hanno voglia di lavorare e non hanno paura del lavoro vero perche’ no ritroveranno la dignità e il senso della vita. Vivranno anche in un paese che funziona bene e che tratta i cittadini come si deve. Secondo me la Gran Bretagna è un modello da seguire, la madre di tutte le democrazie, sono avanti all’Italia in tutto e per tutto

Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire?

lavorare, lavorare e lavorare, non abbiate paura a fare i sacrifici per 3 o 4 anni, i risultati arriveranno sempre

Leggi anche:

Enzo, arrivato a 57 anni, ha trovato un paese civile e serio(Si apre in una nuova scheda del browser)

Rispondi

Torna su