Fare ricerche di mercato a Londra
Fare ricerche di mercato a Londra

allcentreDevo ritenermi fortunata perché trovai lavoro nel giro di un giorno solo appena arrivata a Londra nelle ricerche di mercato, anche grazie a una ragazza del forum che pubblicò indirizzi e numeri di telefono di market research companies a Londra. Mi bastò telefonare a un paio per avere un colloquio. Questo era circa 6 anni fa e prendevo 7 o 8 sterline all’ora quando nei ristoranti prendevano poco più di 5 sterline.

Foto: LicenseAttribution Some rights reserved by Kibbe Museum
Il lavoro era semplice si doveva telefonare nelle case o in aziende ai numeri che ci venivano dati e leggere un testo con tanto di domande e scrivere le risposte al computer, non si potevano cambiare le parole o parafrasare…a tutti dovevamo fare esattamente la stessa domanda. Mentre si intervistava qualcuno ci ascoltavano e ci facevano una specie di pagella con voti che giudicava come leggevamo e se imboccavamo le risposte (un altro peccato mortale in questo campo!)
I sondaggi che facevamo erano diversi, potevamo chiedere di un prodotto, servizio o anche cose generali che vengono pubblicate in giornali e riviste, avevamo fatto un sondaggio alle donne per sapere quale fosse il loro uomo ideale!

The CV Book: How to avoid the most common mistakes and write a winning CV

Il lavoro non era fisso e venivamo prenotati di settimana in settimana, se non c’era lavoro per l’italiano ci lasciamo a casa e potevamo aspettare che ci fosse di nuovo oppure cercare in qualche altro posto. Allora si poteva tranquillamente vivere di ricerche di mercato in italiano e c’erano italiani che facevano questo lavoro da anni e anni, ora invece è praticamente impossibile, le agenzie che fanno ricerche di mercato al telefono sono sempre meno e lavoro per gli italiani è veramente troppo poco per essere continuativo e riuscire a guadagnare abbastanza per pagare affitto e spese per sopravvivere.

Anche allora una delle cose negative era che non essendoci tantissimo lavoro per gli italiani e quando dovevano scalare il numero di persone si tenevano solo i migliori, il team italiano era molto competitivo e molti non si facevano certo problemi a fregare gli appuntamenti degli altri e fare le loro interviste quando potevano. Dovevo stare sempre sull’attenti e non fidarmi dei colleghi italiani che era molto brutto e questo l’ho visto succedere in tutte le società per le quali ho lavorato. Un altra cosa negativa era che come lavoro è proprio orribile, anche se non si trattava di televendita, telefonare tutto il giorno e convincere le persone di stare 30 o 40 minuti al telefono per fare un intervista è incredibilmente stressante. Il lavoro è anche ripetitivo e richiede di spegnere il cervello, l’iniziativa era punita, se veniva scoperta.

Fortunatamente l’esperienza mi ha portato a trovare un lavoro migliore in seguito…

Eleonora

Commenta