Tamigi, il fiume di Londra; cose che forse non sai

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Tabella dei Contenuti

Voli economici per Regno Unito
Non perdere tempo! Guarda qui i voli più economici dall'Italia a Londra e il Regno Unito.
Guarda Voli

Il Tamigi è il secondo fiume più lungo del Regno Unito e il fiume più lungo interamente in Inghilterra. Nasce a Thames Head nel Gloucestershire e sfocia nel Mare del Nord all’estuario del Tamigi. La sua fama viene dal fatto che è il fiume di Londra, anche se la parte che scorre nel centro della città è solo una breve parte del suo corso. Le immagini del Tamigi con il Tower Bridge o il London Eye sono famose in tutto il mondo.

Il corso d’acqua è soggetto a marea a Londra con una differenza di 7 metri, che arriva fino a Teddington Lock ad ovest di Richmond. Il bacino idrografico copre gran parte dell’Inghilterra sudorientale e occidentale e il fiume è alimentato da oltre 30 affluenti. Il fiume contiene oltre 80 isole e, avendo tratti sia di acqua di mare che di acqua dolce, supporta una varietà di animali selvatici. Prima della costruzione di Teddington Lock, il fiume era affetto da maree fino a Staines.

Da dove viene il nome Tamigi?

In inglese Thames. Ci sono due teorie, la prima dice che il nome viene dall’inglese medievale Temese che a sua volta proviene dal celtico Tamesas che invece i Romani scrissero Tamesis. Probabilmente significa scuro o il ta di tameses significa fango. Cosa non sorprendente visto che il Tamigi è n fiume di scarsa profondità e molto fangoso e di colore marrone. Ci sono comunque diverse altre teorie sull’origine del nome Tamigi. Sappiamo però che il Th del nome inglese del fiume Thames è sempre stata pronunciato T. L’ortografia ‘th’ conferisce un tono greco al nome ed è stata aggiunta nel 1500 circa per far credere che il nome fosse greco e portato dalle tribù celtiche che una volta si credeva venissero da là. Da notare che ad Oxford il Tamigi si chiama Isis. 

Tamigi

La parte del fiume affetta da maree o bacino di Londra

Questa zona parte dal profondo estuario fino al Teddington Lock e include tutto il centro di Londra. Il London Bridge è ora utilizzato come base per le tavole di marea pubblicate che danno gli orari dell’alta marea. L’alta marea raggiunge Putney circa 30 minuti dopo il London Bridge e Teddington circa un’ora dopo. Il tratto di marea del fiume è conosciuto come “the Tideway”.  A Londra, l’acqua è leggermente salmastra con sale marino, essendo un mix di mare e acqua dolce.

I principali affluenti del Tamigi sulla Tideway includono i fiumi Brent, Wandle, Effra, Westbourne, Fleet, Ravensbourne (la cui parte finale è chiamata Deptford Creek), Lea, Roding, Darent e Ingrebourne. Molti di questi fiumi sono stati coperti. 

Le isole del Tamigi

Il Tamigi contiene oltre 80 isole che vanno dalle grandi paludi estuari dell‘isola di Sheppey, dell’isola di Grain e dell’isola di Canvey a piccoli isolotti ricoperti di alberi come Rose Isle nell’Oxfordshire e Headpile Eyot nel Berkshire. Alcune delle più grandi isole interne, ad esempio l’isola di Andersey , sono state create naturalmente quando il corso del fiume si è diviso in corsi d’acqua separati.

Nella zona di Oxford il fiume si divide in diversi corsi d’acqua attraverso la pianura alluvionale (Seacourt Stream, Castle Mill Stream, Bulstake Stream e altri), creando diverse isole (Fiddler’s Island, Osney e altre). Desborough Island, Ham Island a Old Windsor e Penton Hook Island sono state create artificialmente da tagli di serratura e canali di navigazione.

Chiswick Eyot è un punto di riferimento familiare sul percorso di Boat Race, mentre Glover’s Island costituisce il fulcro della spettacolare vista da Richmond Hill.

L’Abbazia di Westminster e il Palazzo di Westminster  furono costruiti sull’isola di Thorney, non si direbbe oggi

tamigi fiume di londra

Storia lungo il Tamigi

Questo fiume ha sempre avuto notevole importanza storica, ci sono prove di insediamenti umani che vivono al largo del fiume lungo la sua lunghezza risalenti al Neolitico.Lungo le rive del fiume sono stati scoperti numerosi siti e manufatti dell’età del bronzo, compresi gli insediamenti a Lechlade, Cookham e Sunbury-on-Thames. Alcuni dei primi resoconti scritti del Tamigi si trovano nel racconto di Giulio Cesare della sua seconda spedizione in Gran Bretagna nel 54 a.C. quando il Tamigi rappresentava un grosso ostacolo e incontrò le tribù belghe dell’età del ferro, i Catuvellauni e gli Atrebati lungo il fiume.

Sotto l’imperatore Claudio nel 43 d.C. i romani occuparono l’Inghilterra e, riconoscendo l’importanza strategica ed economica del fiume, costruirono fortificazioni lungo la valle del Tamigi, compreso un grande accampamento a Dorchester. Due colline, ora conosciute come Cornhill e Ludgate Hill, fornirono una solida base per un centro commerciale nel punto più basso possibile del Tamigi chiamato Londinium dove fu costruito un ponte. Un altro ponte romano si trovava a Staines. 

Molti degli insediamenti lungo il fiume Tamigi fanno risalire le loro origini a radici molto antiche e il suffisso “ing” in città come Goring (dove si trova la strana e tortuosa gola di Goring o Goring Gap) e Reading devono le loro origini ai Sassoni.

La prosperità economica e la fondazione di ricchi monasteri da parte degli anglosassoni attirarono visitatori indesiderati e intorno all’870 d.C. i Vichinghi riuscirono a navigare dal mare al Tamigi e attaccarono l’Abbazia di Chertsey.

Una volta che il re Guglielmo il Conquistatore  ebbe ottenuto il controllo totale della strategica valle del Tamigi, invase il resto dell’Inghilterra. Fece costruire molti castelli, inclusi quelli di Wallingford, Rochester, Windsor e  la Torre di Londra.

I secoli successivi videro il conflitto tra re e baroni giungere al culmine nel 1215  quando re Giovanni fu costretto a firmare la Magna Carta su un’isola del Tamigi a Runnymede. Ciò ha concesso loro, tra una miriade di altre cose, ai sensi della clausola 23, il diritto di navigazione del fiume. Un’altra importante conseguenza del regno di Giovanni fu il completamento del London Bridge a più piloni che fungeva da barricata e sbarramento sul fiume, influenzando il flusso di marea a monte e aumentando la probabilità di congelamento.

Tamigi fiume di Londra

Ai tempi dei Tudor, specialmente Enrico VIII e Elisabetta I e degli Stuart i re e le regine amavano il fiume e costruirono magnifici palazzi lungo il fiume a Hampton Court, Kew, Richmond, Whitehall e Greenwich.

Dal 1500 Londra crebbe di importanza come porto che commerciava con tutto il mondo, a Deptford aprirono anche cantieri navali. Il Tamigi serviva anche per trasportare merce da Oxford a Londra in particolare e la pietra dai Cotswolds per ricostruire la cattedrale di St Paul’s dopo il Grande Incendio del 1666. 

Una serie di inverni freddi portò al congelamento del Tamigi sopra il London Bridge, e questo portò alla prima Frost Fair nel 1607, completa di grosse tende montate sul fiume stesso e che offrivano una serie di divertimenti.

Nel 1700, il Tamigi era uno dei corsi d’acqua più trafficati del mondo, poiché Londra divenne il centro del vasto e mercantile impero britannico e progressivamente nel secolo successivo i moli si espansero nell’Isle of Dogs e oltre. Sono stati fatti sforzi per risolvere i conflitti di navigazione a monte costruendo chiuse lungo il Tamigi come quella di Teddington. 

Durante la “Grande Puzza” del 1858, l’inquinamento del fiume raggiunse proporzioni tali che le sedute alla Camera dei Comuni a Westminster dovettero essere abbandonate. Seguì uno sforzo concertato per contenere le acque reflue della città costruendo enormi fognature sugli argini del fiume nord e sud, sotto la supervisione dell’ingegnere Joseph Bazalgette.

Gli argini di Londra ospitano l’approvvigionamento idrico delle case, oltre alle fogne, e proteggono Londra dalle inondazioni.

L’arrivo della ferrovia fece diminuire l’uso del fiume per trasportare merci ma aumentò l’uso ricreazionale. In questo periodo nacquero regate come quella di Henley o la Boat Race.

Il 3 settembre 1878 ebbe luogo uno dei peggiori disastri fluviali in Inghilterra, quando l’affollata imbarcazione da diporto Princess Alice che portava i passeggeri in gita si scontrò con un altro battello, uccidendo oltre 640 persone.

Durante la seconda guerra mondiale la protezione del Tamigi fu fondamentale per la difesa del paese. Le difese includevano i forti di Maunsell nell’estuario e palloni di sbarramento per far fronte alla minaccia dei bombardieri tedeschi che utilizzavano la forma riconoscibile del fiume per navigare durante il Blitz. 

Sebbene il porto di Londra rimanga uno dei tre principali porti del Regno Unito, la maggior parte del commercio si è spostata a valle dal centro di Londra. Il declino dell’industria manifatturiera e il miglioramento del trattamento delle acque hanno portato a una  bonifica e il Tamigi è tornato più pulito come non lo era da secoli. Lungo il fiume corre il Thames Path, che fornisce un percorso per escursionisti e ciclisti, puoi trovare maggiore informazione qui. Ci sono anche servizi di battelli usati sia da turisti ma alcuni servizi sono indirizzati ai pendolari, un modo per evitare il traffico londinese. 

All’inizio degli anni ’80 fu aperta la Thames Barrier, quasi all’inizio del lungo estuario,  per controllare il livello dell’acqua. Viene chiuso più volte all’anno per prevenire danni causati dall’acqua alle zone basse di Londra. Alla fine degli anni ’90 è stato costruito il fiume Jubilee, lungo 11 km, che funge da canale di piena per il Tamigi intorno a Maidenhead e Windsor. Ora stanno pensando di costruire nuove barriere e dighe, la Thames Barrier non è più sufficiente. 

la barriera del Tamigi

La fauna del Tamigi

Varie specie di uccelli vivono lungo il fiume, alcune si trovano sia in mare che nell’entroterra. Questi includono il cormorano, il gabbiano comune e il gabbiano reale. Si vedono cigni sia bianchi e più raramente anche neri.  Si incontrano anche le oche del Canada, martin pescatore,  aironi, le oche egiziane e le oche dalla testa di sbarra, e le anatre includono il germano reale nativo, oltre all’anatra mandarina dall’Asia. 

Il Tamigi contiene sia acqua di mare che acqua dolce, fornendo così supporto per acqua di mare e pesci d’acqua dolce. I salmoni, che abitano entrambi gli ambienti, sono stati reintrodotti ed è stata costruita una serie di scalette per i pesci nelle dighe per consentire loro di risalire la corrente.  L’anguilla è tipica del Tamigi come il piatto tipico dell’East End di Londra ‘jellied eel’.  Alcuni dei pesci d’acqua dolce che si trovano nel Tamigi e nei suoi affluenti includono la trota , il cavedano, il dace, il triotto, il barbo, il pesce persico e  il luccio.

 

Fatti spiccioli sul Tamigi il fiume di Londra 

Il Tamigi, il fiume di Londra, è lungo 346 chilometri, non è il più lungo del Regno Unito, il fiume Severn è lungo 354 km. 

Il Tamigi ha 215 ponti e 17 tunnel che lo attraversano

Il primo tunnel fu costruito nel 1843 da Rotherhithe a Wapping

Nel Tamigi si trovano 125 pesci diversi

Tra gli animali che si possono vedere nel Tamigi includete anche delfini, lontre e persino foche

Il Tamigi passa da 16 città o cittadine importanti

La vera sorgente del fiume di Londra si trova a Thames Head, nei Cotsworld in Gloucestershire

Dalla sorgente fino a Teddington il fiume non è soggetto a maree

La Boat Race tra gli studenti di Oxford e Cambridge si tiene sul Tamigi dal 1839, ma interrotta recentemente dal coronavirus e dalla fragilità dell’Albert Bridge

La Magna Charta fu firmata nel 1215 in un isola nel Tamigi vicino Runnymede

Un tempo il Tamigi gelava abbastanza regolarmente, ma con la costruzioni degli argini nel centro di Londra e la demolizione del London Bridge, il fiume scorre molto più veloce e non ha il tempo di gelare. 

In media un cadavere alla settimana viene trovato nel Tamigi, quasi sempre suicidi

Ci sono ben 190 isole e isolette nel fiume di Londra ma solo 45 sono abitate

L’anguilla del Tamigi era un piatto tipico londinese in tempi passati, trovate ancora, anche se meno posti che fanno la famosa jellied eel

Il primo ponte sul Tamigi fu costruito dai Romani quasi 2000 anni fa molto vicino a dove si trova oggi London Bridge

Il 5 agosto 1993 il più grande salmone non di marea nella storia registrata è stato catturato vicino a Boulters Lock a Maidenhead.

Ci sono oltre 200 club di canottaggio lungo il Tamigi

Il nome antico celtico del Tamigi era Tamesas

Da Teddington all’estuario il fiume di Londra è soggetto a maree, potete vedere infatti come sale e scende durante il giorno nel centro di Londra

Nella parte del Tamigi non soggetta da maree trovate ben 45 chiuse

Il Thames Path segue il Tamigi lungo tutto il suo percorso, si tratta del sentiero fluviale più lungo d’Europa

Quasi il 70% dell’acqua potabile di Londra viene dal Tamigi

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Commenta

LondraNews (58)
Londra, Amazon apre un parrucchiere a Shoreditch
kensington palace
Kensington Palace a Londra; qui nacque la regina Vittoria e ci visse Diana
koko-london_t20_plOLwd
Video dei danni dell'incendio al KOKO di Camden
parco di richmond
Richmond Park, il parco urbano più grande d'Europa
closeup of vintage toy cars
Il V&A Museum of Childhood chiude per due anni e diventa spazio creativo
Dove dormire a Londra

Dagli hotel di lusso agli ostelli o stanze in case private, qui puoi trovare quello che cerchi! Quasi 15 mila stanze a Londra.

Cerca una camera
Torna su