Forse non ci avete mai fatto molto caso ma la tenuta di Fulham, o come viene chiamato dal 1700, Fulham Palace,  è stato sede dei vescovi di Londra per oltre 1.000 anni.

È un posto interessante da visitare, ospita anche mostre temporanee e ha un bel giardino. L’ingresso è anche gratuito. Guarda il sito ufficiale per vedere le mostre temporanee che puoi vedere ora.

All’inizio del 1500 secolo, era uno degli oltre venti palazzi intorno a Londra posseduti dai ricchi vescovi di Londra e utilizzate per le vacanze estive dei vescovi e delle loro famiglie e personale.

Foto: © Copyright John Myers and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Anche guardandolo ora si capisce subito che questo palazzo sulla riva nord del Tamigi era un posto molto più tranquillo e salubre delle strade affollate del centro di Londra. Fulham ora sembra quasi centro ma allora era praticamente piena campagna.

La residenza del vescovo esisteva in questo luogo fin dal 1141, ma fu poi ricostruita nel 1200 e poi rifatta e modificata nel 1700,  dopo che il vescovo Robinson aveva presentato una petizione all’arcivescovo di Canterbury per chiedere il permesso di demolire un certo numero di edifici caduti in rovina.

Ciò significa che molti degli edifici originali medievali non esistono più ma l’attuale edificio è stato descritto come un “Hampton Court in miniatura” perché è in parte Tudor e in parte georgiano, con una cappella vittoriana.

Se arrivate dall’entrata principale di Bishop’s Avenue, guardate in basso dal ponte per vedere una parte del fossato (riempito dal 1921 al 1924) che circonda il parco del palazzo. A circa 1 miglio di lunghezza, è il fossato domestico più lungo in Inghilterra e costituisce il confine del complesso del palazzo originale.

Il prato alla vostra destra appena entrati si chiama Paddock, si pensa sia il sito della dimora originale del 1100secolo. Se attraversate le porte in rovere del 1495 arrivate al cortile ovest, la parte più antica sopravvissuta del palazzo, dove le pareti in mattoni rossi con motivi a diamante danno il famoso look Tudor dell’edificio.

La maggior parte delle finestre risalgono al 1600, ma il vetro è in gran parte moderno a causa dei danni delle bombe che caddero vicino al palazzo durante la seconda guerra mondiale.

Foto: © Copyright David Hawgood and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Anche se molte sale e stanze Tudor sono chiuse al pubblico, è possibile accedere alla sala più antica del palazzo, costruita intorno al 1495, la Sala Grande o Great Hall.  Come gran parte di Fulham Palace, la Great Hall è stata modificata diverse volte nel corso dei secoli. Quando entrate probabilmente rimarrete delusi, infatti non vedrete niente di molto Tudor a prima vista ma alzate la testa e vedrete  il tetto in legno originale del 1495.

La sala è anche il luogo in cui la regina Elisabetta I potrebbe aver cenato quando visitò il vescovo Bancroft nel 1600 e nel 1602. Si dice che di questa sala non le piacesse nulla.

Nel 1814, la sala fu convertita in una cappella non consacrata ma in seguito restaurata al suo uso originale quando il vescovo Tait costruì l’attuale cappella nel 1866. La cappella Tait è accessibile attraverso il corridoio di fronte alla Sala Grande.

Le sale oggi situate intorno al cortile est, tra cui la camera del vescovo Sherlock, la Biblioteca di Porteus, il museo e le sale del vescovo Terrick, furono ricostruite nel 1700 1 1800 nel posto esatto dove si trovava il palazzo medievale.

Mentre esplori le stanze sopra menzionate, tieni d’occhio lo stemma del re Enrico VIII e Catherine Howard nella Biblioteca Porteus e gli oggetti medievali e Tudor che si trovano nel museo , senza dubbio il ratto mummificato attirerà la tua attenzione!

Ma una visita al Fulham Palace non sarebbe completa senza un bel giro nel giardino. Potete anche comprare una guida agli alberi e piante che si trovano in questo giardino, ma non è indispensabile.

L’attuale paesaggio risale al 1700 e 1800, ci sono alcune cose che risalgono al periodo dei Tudor, tra cui l’albero di quercia Holm che si ritiene abbia più di 500 anni! Il muro di mattoni rossi nelle vicinanze e la porta che conduce al giardino murato sono anch’essi Tudor, così come le tre buche delle api che si possono vedere in questa sezione del muro.

I giardini di Fulham Palace divennero importanti alla fine del 1600 quando ci viveva il vescovo Compton, che era infatti un appassionato di botanica e soprattutto di piante rare. Anche ora offrono un’oasi di pace a Londra e vi daranno un momento di relax.

Commenta