parchi di londra (5)

Gabarnmung, la “cappella Sistina” australiana che ha riscritto la preistoria

Gabarnmung (o Nawarla Gabarnmung) è un sito archeologico e arte rupestre nel Top End del Territorio del Nord dell’Australia. È uno dei più grandi siti di arte rupestre nell’Arnhem Land, ma è anche importante a livello mondiale.

Gli aborigeni australiani hanno una pretesa maggiore di qualsiasi altro gruppo sociale di essere la cultura vivente più antica del mondo, con prove che risalgono almeno a 44.000 anni fa. La popolazione indigena dell’Australia fa parte del popolo aborigeno australiano, che si ritiene sia arrivato nel continente dal sud-est asiatico tra 50.000 e 60.000 anni fa.

Era una civiltà nomade con pochi strumenti, ma che viveva in rara armonia con la terra nel continente abitato più basso, piatto e arido del mondo. Parlavano 250 lingue, molte delle quali ora estinte. Oggi rimangono solo 120 di questi gruppi linguistici, molti dei quali rischiano ancora di perdersi.

Quando si combinano la persecuzione dei coloni e il fatto che le loro lingue erano solo orali, non sorprende che quei pochi resti dell’identità aborigena siano ora preziosi. Come Gabarnmung Rock Shelter, situato ad Arnhem Land, nell’angolo nord-est del Territorio del Nord. Arroccato su una scarpata di arenaria, ospita il popolo Jawoyn (e la seconda ascia di pietra più antica del mondo, circa 35.000 a.C.

La grotta era ancora visitata dai membri di Jawoyn a memoria d’uomo, forse fino agli anni ’50, ma la sua esistenza era stata dimenticata fino alla sua riscoperta nel 2006.

È stato creato scavando una galleria in una scogliera esistente per creare uno spazio mastodontico di 19 metri per 19 metri con un soffitto che varia in altezza da 1,75 metri-2,45 metri.

All’interno della grotta ci sono 36 pilastri di roccia dipinti che si estendono verso l’alto dal pavimento al soffitto. I pilastri sono il prodotto dell’erosione naturale, ma sembrano assomigliare ai pilastri di un antico tempio, sostenendo apparentemente il soffitto della grotta e dandoci qualcosa che è una rarità nel mondo aborigeno.

L’arte nella grotta, che è in ottime condizioni grazie al suo isolamento e alla protezione naturale offerta dalla grotta, descrive la cultura, le cerimonie, le persone e la storia del popolo Jawoyn. Il suo soffitto è uno degli assemblaggi più spettacolari al mondo di arte rupestre raffigurante wallaby, coccodrilli, uccelli, pesci, persone ed esseri spirituali: tutti gli abitanti del mondo di Jawoyn.

Inoltre è stato trovato sepolto nel sedimento del pavimento un pastello ocra con i lati color gelso che corrispondevano ai colori visti nei disegni.

I Jawoyn si sarebbero seduti su questo piano, avrebbero cucinato qui i loro pasti e senza dubbio avrebbero guardato e ammirato il loro soffitto colorato e le colonne. Scoperta nel 2006, la grotta sta letteralmente riscrivendo i libri di testo della preistoria umana. Prima di Gabarnmung, i dipinti più antichi conosciuti dall’uomo sono stati trovati nella grotta Chauvet nel sud della Francia, scoperta nel 1992.

I raschiamenti del pigmento di carbone avrebbero infine fornito una datazione al carbonio compresa tra 30.000 e 36.000 anni alle centinaia di dipinti di animali trovati a Chauvet. I depositi di carbone a Gabarnmung, tuttavia, sono stati datati al carbonio a 48.000 anni. La gente ha vissuto qui per migliaia di anni prima che l’Ardèche fosse popolata.

Durante uno degli scavi a Gabarnmung, è stato trovato un frammento di un’ascia di pietra che avrebbe stordito gli storici del mondo preistorico. Qualcuno aveva le conoscenze per macinare metodicamente una pietra fino a formare un distinto spigolo vivo. Si è sempre pensato che la produzione di utensili avvenisse prima in Africa o nell’Asia occidentale. Ma le asce trovate in questi posti avevano solo 8000 o 9000 anni, mentre l‘ascia australiana ha circa 35 mila anni. Pensaci per un secondo, bisogna rivedere tutta la preistoria. E i discendenti delle persone che hanno dipinto questo soffitto sistina sono ancora con noi. Il forte popolo Jawoyn di 600 membri ha legami vivi con coloro che hanno creato questo capolavoro preistorico. Nessuna delle grandi grotte preistoriche d’Europa ha un collegamento con i giorni nostri.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Rispondi

Torna su