Giro virtuale dei marmi del Partenone (marmi di Elgin) al British Museum

Tabella dei Contenuti

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

La polemica dei marmi di Elgin continua da oltre 200 anni. Le statue e bassorilievi greci, in parte opera del grande scultore Fidia, furono rimossi dal Partenone tra  il 1801 e il 1812 da Thomas Bruce, conte di Elgin. Furono poi portati via mare a Londra e nel 1816 venduti al British Museum. Per questo motivo vengono spesso chiamati Elgin Marble.

La polemica viene dal fatto che il conte ebbe l’autorizzazione di visitare il Partenone dal governo dell’impero ottomano, che allora occupava Atene. Ha sempre detto di aver avuto anche l’autorizzazione di rimuovere le statue e portarle in Gran Bretagna, ma questa autorizzazione non è mai stata trovata. Strano perché l’impero ottomano era molto burocratico ed erano bravi ad archiviare documenti.

Inoltre quando le sculture furono rimosse dal Partenone ci furono sostanziali danni alla struttura del Partenone. Elgin aveva chiesto allo scultore italiano Antonio Canova di aiutarlo a non danneggiare le statue ma quest’ultimo si rifiutò visto che riteneva impossibile trasportarle senza fare ulteriori danni. Lord Byron allora dichiarò che si trattava di un atto di vandalismo e non fu il solo, anche allora diverse persone di cultura non erano contenti delle azioni di Lord Elgin. 

Ora molti vorrebbero ridare i marmi alla Grecia, circa il 40% della popolazione britannica (contro il 23% che invece vorrebbe tenerseli) e personaggi famosi come Stephen Fry, George Clooney e Matt Damon.

Il problema del British Museum e altri grossi musei in Europa e Stati Uniti e che se si crea un precedente e devono ridare le opere prese senza permesso o rubate, potrebbe rimanere ben poco. 

Il Partenone come era nel 1801, disegno di Sir William Gell
© The Trustees of the British Museum
Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International (CC BY-NC-SA 4.0)

I Marmi del Partenone di Elgin comprendono  17 statue che si trovavano nei due frontoni, 15 metope che illustrano battaglie tra Lapiti e Centauri, e 75 metri del fregio interno del tempio. Rappresentano più della metà di quello che rimane della decorazione scultorea del Partenone, sono quindi di grandissima importanza.

© The Trustees of the British Museum
Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International 

Potete anche fare un interessante giro virtuale dei marmi di Elgin al British Museum qui.

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Ultimo aggiornamento 2021-10-19 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

fantasmi di Bankside
Passeggiata alla ricerca dei fantasmi di Bankside
Bradford nello Yorkshire
Cosa si trova a Bradford nello Yorkshire?
LondraNews (30)
10 cose che forse non sapete su Bank
la prigione di Mashalsea
La prigione di Marshalsea a Borough
arco di wellington
Arco di Wellington ad Hyde Park Corner - cose che non sai
LondraNews
Somerset House a Londra; cose che forse non sai
whitehall a londra
Whitehall a Londra; corte Tudor prima e ora sede di ministeri
LondraNews (2)
Le origini curiose dei taxi neri di Londra
hoop and grapes
Londra sconosciuta: Hoop and Grapes Pub
shakespeare
Forse scoperta la casa di Shakespeare di Londra

Commenta

Torna su