Giuseppe è ora tassista e racconta la sua esperienza a Londra

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Leggete ora l’esperienza di Giuseppe, potete aggiungere la vostra compilando il modulo qui sotto. 
Avendo già esplorato la zona qualche mese prima e grazie al consiglio di un amico che già viveva in zona, io e la mia compagna abbiamo prenotato dall’Italia telefonicamente 2 appuntamenti con un’agenzia immobiliare per il giorno dopo l’arrivo. Uno dei due appartamenti lo abbiamo bloccato appena arrivati. Siamo stati circa 2 settimane in albergo prima della consegna.
 
Nell’azienda dove lavora la mia compagna assumevano circa 20 persone al mese, ho fatto subito domanda.
 
1 mese
 
Laurea magistrale in sociologia e politiche terrotoriali. Avevo varie e diverse tipologie di esperienze di lavorative accumulate negli anni, dall’operaio meralmeccanico al terapista comportamentale per bambini diversamente abili.
 
All’arrivo avevo un livello B1 (reading, writing, listening) preso in Italia ma le grosse difficoltà le ho avute con il listening.
 
Ho lavorato per 1 anno e 7 mesi nel reparto logistica come semplice coworker part-time in una grossa multinazionale. Dopo circa 1 anno ho preso una licenza comunale come tassista Private Hire, da circa 6 mesi è il mio lavoro full-time.
 
Fino ad ora ho capito che la conoscenza della lingua è essenziale. Se vuoi un lavoro dequalificato ne trovi in abbondanza, almeno nella mia zona, ma la possibilità di crescita è bassa. Per passare ad uno step successivo devi avere, o una buona conoscenza della lingua, o partire con una buona base di skills relative al tuo lavoro che le aziende possono considerare convenienti alle loro esigenze. Ovviemente quasta è la considerazione che faccio io che ho 40 anni, le prospettive per i più giovani potrebbero essere diverse.
 
Ci può stare un’esperienza in UK o Londra, io consiglio città minori dove magari il costo della vita è più basso e dove magari si trovano politiche comunali con corsi d’inglese gratuiti. È importante considerare che nei lavori a bassa qualifica potresti parlare un inglese approssimativo con polacchi, spagnoli etc…
 
Meglio muoversi in una zona dove si ha un appoggio, un indirizzo di casa da fornire alla banca per un account e per il NIN è essenziale.
[fluentform id=”9″]

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Unisciti alla discussione

  1. Avatar

1 commento

  1. Siamo una coppia che si trasferisce a Londra tra qualche settimana, abbiamo superato i 50 ma siamo sani e forti,qualcuno ci aiuta a trovare lavoro?

Lascia un commento

Rispondi

I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Dizionario giurieconomico. English-italian, italiano-inglese. Con voci dell'american english
OffertaBestseller No. 2 Italian-English Bilingual Visual Dictionary with Free Audio App
Bestseller No. 3 English Mistakes Italians Make (English Edition)

Ultimo aggiornamento 2021-12-01 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Tania scrive che rimanere a Londra ora è un atto di masochismo
Brexit: informazione sul settled status per gli europei (IMPORTANTE)
My Post (2)
"Improvvisare, come ho fatto io, credo che sia una scelta suicida"
Se non vi piace stare qui, tornate in Italia
Valentina in UK da pochi mesi, racconta la sua esperienza
a voi la parola (1)
Adriano scrive che molti italiani a Londra si fanno solo sfruttare
Young writer typing
Sezione del sito aperta a tutti, a voi la parola
Cecilia, OSS a Londra, scrive che gli immigrati non devono fare capricci
L'esperienza di una responsabile delle vendite italiana a Londra
"Credo che ci sia ancora troppa gente in giro"
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: