italiani

Giuseppe racconta la sua esperienza di infermiere in Inghilterra

2015
 
Nell’ospedale dove lavoro erano disponibili stanze arredate per il personale, dove vivo tutt’ora.
 
Agenzia di recruiting per personale sanitario e regolare colloquio con l’ospedale via Skype dall’Italia. Tra scegliere se andare a Londra o fuori Londra, ho scelto la seconda opzione.
 
1 anno, ma con la giusta preparazione ci si impiega molto di meno
 
Laurea in Infermieristica
 
Ottimo, l’inglese è sempre stato il mio cavallo di battaglia
 
Sono tutt’ora Nurse
 
Londra: Tanta gente e pochi affitti dignitosi, ma tante cose da fare Dove abito io invece l’esatto opposto, ma scendevo spesso a Londra per svago, che secondo me è la cosa più bella, non sono nemmeno pendolare e lavoro in loco.
 
Io sconsiglio Londra in generale come luogo di lavoro e invito tutti ad aprire i propri orizzonti, si vive senz’altro meglio nelle contee e la vita costa di meno.
 
Per chi ha un titolo di studio spendibile anche all’estero consiglio di iniziare a interessarsi ora, perchè indubbiamente con la Brexit ci saranno burocrazie interminabili, sarà sempre possibile lavorare in UK ma meno facilmente. Da considerare anche Irlanda e Scozia. Ultima cosa ma fondamentale, un inglese almeno discreto.
 

1 commento su “Giuseppe racconta la sua esperienza di infermiere in Inghilterra”

Rispondi

Torna su